CENNI di ENOLOGIA

COMPONENTI DEL VINO

I componenti che caratterizzano i diversi tipi di vini sono molteplici e da loro dipende anche la qualità finale che va ad aggiungersi alle condizioni esterne che vengono a presentarsi durante il ciclo biologico della vite.
Anzitutto bisogna quindi distinguere tra le sostanze che costituiscono propriamente l'uva e quelle che vengono a crearsi durante la sua trasformazione in vino:

COSA CONTIENE L'UVA

  • acqua
  • zuccheri (glucosio, fruttosio)
  • polifenoli (tannini, coloranti)
  • acidi (tartarico, malico, citrico)

COME CAMBIA L'UVA

Dalla vendemmia alla cantina i fenomeni di trasformazione che subisce l'uva portano alla presenza dei seguenti componenti:

  • alcoli (alcol etilico)
  • acidi (lattico, succinico, acetico)
  • aldeidi
  • anidride carbonica

Altri elementi, invece durante i processi di trasformazione (da zucchero ad alcol, fermentazioni ecc.) tenderanno a sparire o a modificarsi radicalmente:

  • zuccheri
  • lieviti
  • batteri
  • acido malico
  • aminoacidi
  • sali di ammonio
  • mucillagini

DALLA CHIMICA ALLA REALTA': COSA ABBIAMO NEL BICCHIERE

ACQUA

  • Il contenuto medio è dell' 80-85% e costituisce il solvente di tutti gli elementi contenuti. Se però il suo contenuto supera il 90% il vino risultate sarà assai debole.

COLORE

  • Il colore di un vino è dato dalla presenza di sostanze come i:
    - POLIFENOLI
    - TANNINI
    - COLORANTI
    presenti in media tra lo 0,4 e i 4 g/litro.
    Nei Vini Rossi daranno importanza al colore la presenza di:
    - ANTOCIANI
    - TANNINI
    Mentre nei vini Bianchi saranno fondamentali:
    - LEUCOANTOCIANI
    - CATECHINE
    - FLAVONI
    - CLOROFILLA (responsabile della fotosintesi clorofilliana 6 CO2 + 6 H2OC6H12O6 + 6 O2 = 6 molecole di Anidride Carbonica + 6 molecole di Acqua si trasformano in una molecola di ZUCCHERO + 6 molecole di Ossigeno)
    Il colore può però essere alterato negativamente dalla presenza di malattie o difetti:
    - BATTERI
    - IONI METALLICI
    - CRISTALLI DI ACIDO TARTARICO
    - RIFERMENTAZIONE INDESIDERATA
    Il colore subirà mutazioni anche con la maturazione; ad esempio un vino rosso giovane risulterà con un colore più tendente al violaceo, vista la sua acidità, mentre con l'invecchiamento l'ossidazione e la fermentazione malolattica il colore tenderà al rosso granato o aranciato.
    I Flavoni sono invece responsabili del colore dei vini bianchi, ma con la maturazione il colore giallo dorato o ambrato è conferito dall'ossidazione dei Leucoantociani e delle Catechine.

PROFUMO

  • Le sostanze aromatiche responsabili dei profumi di un vino sono così divise:
    - NEUTRI: 0,2 mg/l
    - AROMATICI 2 mg/l
    Il profumo può essere ereditato dal tipo di vitigno; si parlerà in tal caso di AROMI PRIMARI, i cui diretti responsabili sono i TERPENI (lipidi costituiti da multipli dell'unità isoprenica: Sono terpeni il geraniolo, il mentolo, la canfora, il limonene e lo squalene e si trova libero in quantità elevate (90%) nell'olio di fegato di squalo e in tracce (0,1-0,7%) nell'olio di oliva, nel lievito, nel sebo umano e nel cerume.).
    Gli AROMI SECONDARI, invece, sono dovuti alla formazione di ESTERI. ETERI e ALCOLI SUPERIORI che si formano durante la fermentazione.
    Infine merito della maturazione e dei processi evolutivi che subisce grazie alla presenza di ESTERI, ETERI, ALDEIDI, CHETONI, LATTONI, ACETALI, il vino acquista i suoi AROMI TERZIARI.

SAPORE

  • Un vino presenta i sapori fondamentali che comunement distinguiamo in bocca.
  • Il sapore DOLCE è conferito dalla presenza di Glucosio e Fruttosio (MONOSACCARIDI ESOSI: il glucosio viene trasformato durante la fermentazione in alcol, mentre il Fruttosio rimarrà predominante nel vino), Xilosio ed Arabinosio (MONOSACCARIDI PENTOSI), e SACCAROSIO (DISACCARIDE). Questi elemente giocheranno un ruolo fondamentale nell'equilibrio del vino, ponendosi dalla parte della morbidezza.
  • Il sapore MORBIDO, oltre che dagli zuccheri, è conferito dagli Alcoli: glicerina e glicerolo (Il glicerolo è un componente dei lipidi (oli e grassi) e dei fosfolipidi, dai quali viene ottenuto per idrolisi o transesterificazione) che si forma durante la fermentazione alcolica conferisce il carattere vellutato combinandosi con gli altri elementi (alcol etilico, pectine, gomme e mucillagini) che vengono a crearsi durante la fermentazione, infatti, si legano ad altri elementi, come l'alcol etilico, le pectine, gomme e mucillagini, conferando un sapore vellutato.
  • Sul piatto dell'equilibrio di un vino troviamo contrapposta alla morbidezza l'acidità: il sapore ACIDO è conferito dalla presenza di acidi sia propri delle uve (PREFERMENTATIVI - Fissi: TARTARICO, MALICO, CITRICO - Volatili: ACETICO) che derivati dai processi di fermentazione (POSTFERMENTATIVI - Fissi: LATTICO, GLICOLICO, SUCCINICO, CITRICO - Volatili: ACETICO, PROPIONICO). L'acidità complessiva è espressa in pH (dal latino pondus hydrogenii - Il termine p (operatore) simboleggia due operazioni matematiche da operare sulla concentrazione idrogenionica [H+] o, più correttamente, sull'attività dello ione idrogeno in soluzione acquosa. Le due operazioni sono: il logaritmo in base 10 della concentrazione espressa in moli/litro e quindi il cambio di segno del risultato (moltiplicazione per -1). Pertanto, si definisce come pH = -log10aH+ in cui aH+ rappresenta l'attività degli ioni idrogeno, che coincide con la concentrazione molare dei medesimi in soluzioni acquose sufficientemente diluite (≤ 0,1 mol/l), pertanto: pH = -log10[H+]).
    Ma vediamo nel dettaglio l presenza di acidi com'è divisa (fonte www.vinoinrete.it):

    UVE
    - tartarico, che conferisce al vino vivacità, freschezza e colore;
    - malico, che conferisce aggressività (allappante se eccessivo);
    - citrico, che fornisce un gusto acidulo

    PROCESSI FERMENTATIVI
    - succinico, dà un gusto acido-salato-amaro;
    - acetico, se supera la soglia ammessa 0,7g/l si parla di acescenza o spunto; per legge non deve superare 1g/l;
    - lattico rende il vino più morbido. L'acidità totale si esprime in g/litro di acido tartarico.
  • L'astringenza di un vino è percepita come secchezza e disidratazione. I principali fautori dell'astringenza di un vino sono i POLIFENOLI contenuti nei TANNINI delle uve e del legno di affinamento.
    Tale fenomeno è dovuto alla precipitazione di un polimero chiamato mucina che si occupa della lubrificazione del cavo orale: i tannini legandosi alla mucina favoriscono così la disidratazione e appunto, il senso di astringenza.
    I tannini però vanno divisi in due categorie:
    - CATECHICI, presenti nelle uve danno un maggior senso di astringenza
    - GALLICI, ceduti dal legno delle botti, sono più vellutati e conferiscono classe al vino
  • Nel vino sono contenuti anche SALI (1,5 - 3 g/litro) risultanti dalla combinazione tra minerali ed acidi che conferiscono sapidità.
    - SALI DI ACIDI INORGANICI (Cloruri, Solfati, Fosfati)
    - SALI DI ACIDI ORGANICI (Tartrati, Citrati, Malati)
  • Il sapore AMARO in un vino non sempre è segno di negatività come nel caso della presenza di Solfuri, Mercaptani, Acroleina.
    L'aspetto piacevolmente amaro è conferito dalla presenza di sostanze organiche come Caffeina e Chinina, o da ossidazione dei polifenoli (CHINONI)

FRESCHEZZA

  • L'anidride carbonica viene prodotta dalla fermentazione alcolica e conferisce vivacità in base alla quantità presente nel vino. A seconda della quantità di gas si parla di vino fermo, frizzante, o spumante (perlage). E' gradita nei vini bianchi mentre nei vini rossi accentua il carattere astringente

MANGIA BEVI AMA

Tanti contenuti per imparare a conoscere, capire ed amare il mondo del buon bere e del buon mangiare attraverso articoli e guide, come dei veri Sommeliers!

CONOSCI IL VINO?

Pensi davvero di conoscere il vino?
Il Quinto Quarto ti accompagnerà alla scoperta del mondo del vino e della sua degustazione per imparare ad apprezzare ancora meglio il nettare di bacco!

VITICOLTURA

Il vino deve rispecchiare il territorio, ed il vino di oggi non è più il vino del contadino di una volta, e per capire il suo valore occorre fare un viaggio nel mondo delle vigne della loro coltivazione e della vinificazione!

GLI ABBINAMENTI

Per apprezzare al meglio un vino occorre trovare l'abbinamento più indicato e viceversa!
Capire in che modo abbinare cibo e vino significa valorizzare entrambi in un matrimonio di sapori!

I VITIGNI AUTOCTONI

Sapevate che l'Italia conta il maggior numero di vitigni autoctoni di qualsiasi altro paese al mondo?
Scopriamoli insieme attraverso uno splendido viaggio tra cultura e curiosità enogastronomiche!

I PRODOTTI TIPICI

Un patrimonio di eccellenze gastronomiche che nessun altro paese può eguagliare!
Una biodiversità talmente vasta che è anche difficile da conoscere, catalogare e salvaguardare.
Vi accompagniamo tra le eccellenze italiane, prodotti DOP, IGP e specialità tradizionali!

ENOGRAFIA

Il territorio italiano racchiude una vastità di vini i vitigni inimmaginabile e con questa guida vi accompagneremo alla loro scoperta tra regioni e province e piccoli territori vocati alla coltivazione della vite!

Non tutti sanno...

La maionese

L’origine della salsa maionese sembra derivare dal nome della città spagnola di Mahon, dove il cuoco militare di Armand de la Porte, duca di Richelieu, improvvisò, nel 1757, una salsa a base di olio crudo e tuorlo d'uovo, non avendo altri ingredienti a disposizione.

(+39) 06 3338768

Prenota anche con Whatsapp o Telegram!

Via Flaminia, 638-640

a Roma Nord, nel cuore del Fleming

Aperitivo giovedi e venerdi!

18.30 - 20.300

PRENOTA UN TAVOLO 

@