Fagiolina del lago Trasimeno

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Il seme è piccolo e bianco come un chicco di riso. Coltivata da sempre sui terreni attorno al lago Trasimeno e diffusa fino agli anni Cinquanta del Novecento, in seguito la fagiolina è quasi scomparsa. L'area del lago ha subito infatti, da quel periodo in poi, un grave spopolamento delle campagne, e questa antica coltivazione, a differenza di altre che hanno consolidato il loro valore commerciale (mais, girasole, peperoni…) è andata progressivamente scomparendo. Colpa anche di una coltivazione lunga, faticosa e ancora tutta manuale: dalla semina alla raccolta fino alla battitura. La maturazione, inoltre, è scalare: i fagioli devono essere raccolti ogni giorno per un paio di settimane. Le piantine si sistemano nell'aia, si fanno essiccare e si battono con forche e bastoni. Poi, con i vagli si separano i semi e si insaccano.
Si tratta di una realtà molto piccola: la struttura delle aziende agricole è di tipo familiare e gli addetti non superano le tre unità, producendo, complessivamente, sette, otto quintali di fagiolina. Il Presidio sta lavorando per far conoscere questo prodotto, permettendogli di uscire dal mercato locale (oggi la vendita è perlopiù diretta) e stimolando così un piccolo incremento produttivo.
La Condotta Slow Food Trasimeno, in collaborazione con la Comunità Montana Monti del Trasimeno, le amministrazioni comunali, i produttori, le associazioni di categoria, la Facoltà di Agraria dell'Università di Perugia e altri enti ancora, sta elaborando un disciplinare di produzione: nel frattempo si è costituito un consorzio di produttori con relativo marchio.

È un fagiolo con forma ovale e minuscola e può essere di vari colori: il più diffuso è il bianco, ma c'è anche color salmone, nero e marrone. In bocca è tenero, burroso e particolarmente saporito.
Le ricette locali a base di fagiolina sono semplicissime: quella essiccata si mangia lessa con un po' di olio extravergine di oliva (magari quello rarissimo dell'isola Polvese, proveniente da un uliveto sperimentale che si trova proprio nel mezzo del lago Trasimeno), mentre quella fresca (il cornetto) si passa in tegame con pomodoro e aglio.

Presidio sostenuto da
Comunità
Montana Associazione Comuni Trasimeno-Medio Tevere
Responsabili del Presidio
Sonia Chellini, tel. 075 8296430 - skelli@libero.it

Zone di produzione:  Comuni di Castiglione del Lago, Città della Pieve, Corciano, Magione, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro, Tuoro sul Trasimeno (provincia di Perugia).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Zampone di Modena

IGP
La leggenda racconta che la sua nascita sia dovuta ad un assedio che la città di Modena subì, nel XVI secolo, ad opera di Giulio II. Vie... toc

Palamita del Mare di Toscana

SLOWFOOD
Pesce “di passo”, la palamita appartiene alla famiglia dei tonni e degli sgombri, ai quali assomiglia nell'aspetto. Ha corpo allungato (pu... toc

CASOLET DELLA VAL DI SOLE

NC
Gli abitanti di alcuni paesi di queste valli come Celentino venivano chiamati casoletti. Il nome ha un'origine latina: deriva da "caseolus"... toc