Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Le Clementine di Calabria, nelle varietà Comune, Fedele, Hernandina, Marisol, Nules, Spinosa, SRA 63 e Tardiva sono coltivate su terreni di medio impasto in impianti che presentano una densità massima pari a 1200 piante per ettaro. La forma di allevamento prevalentemente è quella della chioma piena, con disposizione delle piante a rettangolo. Inoltre le piantagioni di Clementina devono essere ubicate lontano da quelle del mandarino ad una distanza tale da evitare l'impollinazione incrociata che porterebbe alla produzione di frutti con semi. La produzione unitaria massima è di 350 q.li per ettaro. Per la loro conservazione si ricorre alla refrigerazione in apposite celle alla temperatura di 4-6 gradi.
La Clementina presenta un epicarpo liscio di colore arancione scuro. Preenta numerose ghiandole oleifere. La polpa è molto succosa, deliquescente e aromatica di colore arancione, con rarissimi semi. La forma è sferoidale lievemente schiacciata ai poli. Il calibro è del diametro minimo di 16, 18 mm.

Coppi S. Coop. Srl

Zona industriale San Pietro Lamentino
88040 Lamezia Terme

Zone di produzione:  Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Classificazione: 

La clementina (Citrus x clementina) è un agrume, frutto di una pianta ottenuta attraverso l'ibridazione del mandarino e dell'arancio.
Sembra che i primi ibridi siano stati ottenuti in Algeria, ma i dati sulla persona che li effettuò non sono univoci. Secondo alcune fonti l’incrocio sarebbe stato fatto casualmente, intorno al 1940, da un certo padre Clément Rodier del convento di Missergin nei pressi di Orano. Altre fonti danno per certo che l’intervento sia stato mirato ed effettuato alcuni decenni prima da un sacerdote, tale Pierre Clément, per cui rimane qualche incertezza sul Clément che realmente ha dato nome a questo frutto. Si fa strada inoltre la convinzione che l’ibrido sia molto più antico e provenga dalla Cina o dal Giappone; il religioso algerino l’avrebbe solo introdotto nel Mar Mediterraneo.

Dopo le prime ibridazioni agli inizi del secolo XX, fu presto evidente che si trattava di una nuova specie di citrus, dato che le caratteristiche rimanevano inalterate nel tempo e la riproduzione sistematica dell’agrume non dava alcun problema. Dopo decenni di coltivazione sperimentale i frutti conservavano le qualità dei primi ibridi, ed erano sempre più richiesti dal consumatore. Dal 1940 sono uno degli agrumi stabilmente presenti sul mercato italiano e, negli ultimi decenni, i frutti più venduti dopo le arance.

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

ALtri prodotti

Sale marino artigianale di Cervia

Le origini delle saline di Cervia si perdono nell’antichità classica; qualcuno le ricol...

Pecorino Terre di Siena

Gli elementi e le notizie delle fonti storiche del "Pecorino Terre di Siena" portano diret...

BRUSS DELLE LANGHE

Il suo colore varia a seconda della zona di produzione: dal bianco, al giallino, al verdognolo, al g...

(+39) 06 3338768

Prenota anche con Whatsapp o Telegram!

Via Flaminia, 638-640

a Roma Nord, nel cuore del Fleming

Aperti dal Lunedi al Sabato

19:30 - 01:00

PRENOTA UN TAVOLO 

@