Melanzana Rossa di Rotonda

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

È piccola e tondeggiante come una mela, di colore arancio intenso con sfumature verdognole e rossastre: più che una melanzana sembra un caco o un pomodoro. Non a caso nella parlata locale si chiama merlingiana a pummadora. La melanzana Rossa di Rotonda (Solanum Aethiopicum) non ha nulla da spartire con la comune melanzana (Solanum Melongena) giunta in Europa forse dall'India e provvista di bacche di un bel viola intenso. Quella di Rotonda è arrivata alla fine dell'Ottocento, probabilmente dall'Africa, forse importata da alcuni soldati di ritorno dalle guerre coloniali.
Sconosciuta altrove, è una pianta rustica coltivata in tutti gli orti di Rotonda e ha un sapore più piccante ed esotico delle comuni melanzane. Le piantine sono poste a dimora in maggio e il primo raccolto avviene nel mese di agosto per continuare fino ai primi freddi.
Anche le modalità di conservazione sono caratteristiche: le piccole melanzane sono nzertate, cioè legate a grappoli come si fa per peperoni e pomodorini, e quindi messe ad asciugare sotto tettoie.
La rossa melanzana “africana” è solo una delle verdure che fanno di Rotonda (4000 abitanti, altitudine circa 600 metri, a una cinquantina di chilometri dal mare di Maratea) una piccola capitale dell'orticoltura di tradizione, inserita in un contesto ambientale unico: il Parco Nazionale del Pollino, l'area protetta più estesa del nostro Paese.
Il Presidio è nato per farla conoscere al di fuori del mercato locale e per trovare un adeguato sbocco commerciale che permetta agli orticoltori, riuniti in una cooperativa, di spuntare prezzi più remunerativi.

È consumata sott'olio e sott'aceto, quasi mai appena colta, e sono apprezzate anche le foglie, tenere, molto diverse da quelle della comune melanzana, per forma e dimensioni.
La polpa è carnosa, non annerisce nemmeno dopo parecchie ore dal taglio; il profumo è intenso, fruttato (ricorda addirittura il fico d'India); al palato è piccante con un gradevole finale amarognolo.

Presidio sostenuto da
Parco Nazionale del Pollino
Responsabile del Presidio
Domenico Cerbino, tel. 320 0241678 - cerbino@alsia.it

Zone di produzione:  Comune di Rotonda (provincia di Potenza).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Gigante nera d'Italia

NC
Il pollo è tradizionalmente presente sulle nostre tavole nei giorni festivi, è il piatto della domenica, è l'immancabile pietanza... toc

Castagna di Montella

IGP
La Castagna di Montella ha forma prevalentemente rotondeggiante, con base convessa e la faccia inferiore piatta, di dimensioni medie o medio piccole; ... toc

CANESTRATO PUGLIESE

DOP
Il Canestrato Pugliese deriva il suo nome dai canestri di giunco entro cui lo si fa stagionare per un periodo più o meno lungo. Viene impiegato... toc