Melanzana Rossa di Rotonda

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

È piccola e tondeggiante come una mela, di colore arancio intenso con sfumature verdognole e rossastre: più che una melanzana sembra un caco o un pomodoro. Non a caso nella parlata locale si chiama merlingiana a pummadora. La melanzana Rossa di Rotonda (Solanum Aethiopicum) non ha nulla da spartire con la comune melanzana (Solanum Melongena) giunta in Europa forse dall'India e provvista di bacche di un bel viola intenso. Quella di Rotonda è arrivata alla fine dell'Ottocento, probabilmente dall'Africa, forse importata da alcuni soldati di ritorno dalle guerre coloniali.
Sconosciuta altrove, è una pianta rustica coltivata in tutti gli orti di Rotonda e ha un sapore più piccante ed esotico delle comuni melanzane. Le piantine sono poste a dimora in maggio e il primo raccolto avviene nel mese di agosto per continuare fino ai primi freddi.
Anche le modalità di conservazione sono caratteristiche: le piccole melanzane sono nzertate, cioè legate a grappoli come si fa per peperoni e pomodorini, e quindi messe ad asciugare sotto tettoie.
La rossa melanzana “africana” è solo una delle verdure che fanno di Rotonda (4000 abitanti, altitudine circa 600 metri, a una cinquantina di chilometri dal mare di Maratea) una piccola capitale dell'orticoltura di tradizione, inserita in un contesto ambientale unico: il Parco Nazionale del Pollino, l'area protetta più estesa del nostro Paese.
Il Presidio è nato per farla conoscere al di fuori del mercato locale e per trovare un adeguato sbocco commerciale che permetta agli orticoltori, riuniti in una cooperativa, di spuntare prezzi più remunerativi.

È consumata sott'olio e sott'aceto, quasi mai appena colta, e sono apprezzate anche le foglie, tenere, molto diverse da quelle della comune melanzana, per forma e dimensioni.
La polpa è carnosa, non annerisce nemmeno dopo parecchie ore dal taglio; il profumo è intenso, fruttato (ricorda addirittura il fico d'India); al palato è piccante con un gradevole finale amarognolo.

Presidio sostenuto da
Parco Nazionale del Pollino
Responsabile del Presidio
Domenico Cerbino, tel. 320 0241678 - cerbino@alsia.it

Zone di produzione:  Comune di Rotonda (provincia di Potenza).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Clementina del Golfo di Taranto

IGP
Le prime introduzioni di specie agrumarie nel territorio della provincia di Taranto si possono far risalire al XVIII secolo, ma solo a partire dal 190... toc

BAGOSS DI BAGOLINO

IGP
Il nome di questo pregiato e raro formaggio deriva dal luogo di provenienza. "Bagòss" nel dialetto locale significa infatti "di ... toc

Olio extravergine di oliva Sabina

DOP
L'olio extravergine Sabina ha un'acidità massima dello 0,70%, un colore giallo oro con sfumature sul verde per gli oli freschissimi, un odore f... toc