Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

A Vessalico, minuscolo Comune dell'Alta Valle Arroscia nell'entroterra di Albenga e, in particolare, nelle frazioni più alte e meno abitate, si coltiva un aglio antico.
Detto rosso di Vessalico, ha un sapore intenso e leggermente piccante e, soprattutto, un'estrema conservabilità. I contadini della zona si tramandano i bulbi da generazioni, assieme alla tecnica di coltivazione e a quella di confezionamento. Le teste di aglio non vengono recise dalla pianta, né mondate del ciuffo, ma confezionate in lunghe trecce (reste): le teste, essiccate e selezionate in base alla dimensione, vengono intrecciate a coppie di due. Un'operazione che si può svolgere soltanto la sera e la mattina, quando l'aglio è umido e le foglie non si spezzano. Le piante non recise, mantenute in ombra, continuano a nutrire l'aglio e a mantenerlo sano e profumato anche otto, dieci mesi dopo la raccolta.
L'aglio di Vessalico è ingrediente fondamentale per un piatto tradizionale della gastronomia locale: l'ajè, una maionese condita con olio extravergine di oliva e aglio schiacciato nel mortaio, uno dei tanti eredi della medioevale agliata.

Presidio sostenuto da Regione Liguria, Comunità
Montana Alta Valle Arroscia, Provincia di Imperia Responsabili del Presidio Piero Arnaudo, tel. 0183 64630 Pierluigi Zunino, tel. 0183 31227 - 339 2462218

Zone di produzione:  Valle Arroscia: Comuni di Vessalico, Borghetto d'Arroscia, Aquila d'Arroscia (provincia di Imperia)

Classificazione: 

Il Presidio
Non è semplice coltivare i piccoli terrazzamenti dove nasce l'aglio di Vessalico - sette ettari in tutto - abbarbicati sulle nude montagne liguri, scavare a mano i solchi; seminare gli spicchi che sono stati tenuti a bagno per una notte; concimare; combattere la ruggine; raccogliere le piante e intrecciarle per confezionare le caratteristiche reste. L'aglio di Vessalico sopravvive ormai in località isolate e poco valorizzate turisticamente. Eppure, grazie alla coltivazione tutta manuale e all'assenza di trattamenti fitosanitari, è un prodotto ottimo e, anche se non esiste ancora una certificazione, sostanzialmente biologico. Per questo potrebbe essere valorizzato diventando una piccola grande risorsa per i paesini più alti e sperduti della Valle Arroscia.
Il Presidio, nato grazie al sostegno della Regione Liguria e realizzato in collaborazione con la Comunità Montana Alta Valle Arroscia, ha riunito una trentina di piccoli produttori e ha creato un marchio che distingue l'aglio di Vessalico.

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

ALtri prodotti

Radicchio Rosso di Treviso

Il Radicchio Rosso di Treviso è prodotto nei tipi precoce e tardivo. Il Radicchio rosso preco...

Sciroppo di rose

Eleganti bottiglie, con etichette scritte a mano, facevano bella mostra nelle credenze: lo sciroppo ...

Vecchie varietà di pesche di Canale

La storia della coltivazione del pesco nel Roero risale alla fine dell'Ottocento. E' nel 1885 che un...

(+39) 06 3338768

Prenota anche con Whatsapp o Telegram!

Via Flaminia, 638-640

a Roma Nord, nel cuore del Fleming

Aperti dal Lunedi al Sabato

19:30 - 01:00

PRENOTA UN TAVOLO 

@