Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

L'area del Monte Poro offre pascoli abbondanti e ricchi di erbe aromatiche. Qui da sempre si pratica l'allevamento ovino allo stato brado e si producono eccellenti pecorini, in particolare nei comuni di Ricadi, Spilinga, Drapia, Zaccanopoli, Rombiolo e Limbadi. La tecnica è quella comune a tutti i pecorini calabresi: si fa coagulare il latte ovino (con eventuali aggiunte di caprino) con caglio di capretto prodotto in azienda. Si rompe finemente la pasta e si pone nelle fiscelle senza cottura, pressando le forme energicamente con le mani. La salatura è sempre a secco: le due facce si strofinano con sale marino. Poi, prima di porre il formaggio in stagionatura, si tratta la crosta con olio di oliva e peperoncino, il che conferisce alla superficie una caratteristica coloritura rosata. L'altezza dello scalzo è di circa 12 centimetri e il diametro delle facce si attesta intorno ai 18 centimetri. Il peso delle forme va da 1,2 a 2,5 chilogrammi. Si consuma preferibilmente di media stagionatura - cinque o sei mesi - come formaggio da tavola, per apprezzarne tutta la intensità aromatica e la fragranza gustativa.
I produttori di pecorino del Monte Poro sono piccoli allevatori che non dispongono di strutture adeguate e vendono il formaggio in zona. Il Presidio sta lavorando per dotare i produttori di strutture a norma per la lavorazione e la stagionatura, in modo da far uscire questo formaggio straordinario dall'attuale situazione di semiclandestinità.

Presidio sostenuto da
CoGal Monte Poro, Salumificio Pugliese
Responsabile del Presidio
Raffaele Denami, tel. 0963 332116 - r.denami@libero.it

Zone di produzione:  Comuni di Rombiolo, Joppolo, Zaccanopoli, Nicotera (provincia di Vibo Valentia).

Classificazione: 

Al taglio questo pecorino è leggermente occhiato, granuloso e di un colore che va dal bianco latte al bianco niveo. La pasta - molto grassa - grazie al trattamento che il pecorino subisce in crosta, assume caratteristiche aromatiche particolari: in certi casi si sentono la menta, il fiore selvatico e il sottobosco; in altre, il fieno secco. Spesso a questi aromi si aggiunge anche il sentore di animale. In bocca è pastoso, piacevolmente nocciolato, con un finale che può essere più o meno piccante. Abbinatelo a un poco conosciuto vino calabrese, lo Scavigna bianco o rosato, dall'omonimo vitigno autoctono che merita maggior considerazione.

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

ALtri prodotti

Fragola di Tortona

La storia della fragola di Tortona inizia un secolo fa. Da un’attenta selezione di specie selv...

Pesca Tabacchiera dell'Etna

La storia della peschicoltura sull'Etna non è antichissima ma è comunque storia di bar...

Raviggiolo di latte vaccino del mugello

E' un formaggio fresco di latte vaccino a pasta molle, privo di crosta; ha forma cilindrica ed una p...

(+39) 06 3338768

Prenota anche con Whatsapp o Telegram!

Via Flaminia, 638-640

a Roma Nord, nel cuore del Fleming

Aperti dal Lunedi al Sabato

19:30 - 01:00

PRENOTA UN TAVOLO 

@