LAZIO

I MIGLIORI VINI

Nel Lazio si produce vino bianco per un buon 70%, il paradosso è che a fronte di tale produzione non ci sono molti vini che fanno parlare di sé, anche se uno dei primi vini italiani ad entrare nella carta dei vini dei reali d'Inghilterra è stato proprio il Frascati.
La zona dei Castelli ha sempre dato vini interessanti sin dai tempi dei Romani quando si produceva vino bianco secco (austerum) in contrapposizione a quello alla greca che era dolce.
La produzione però non ha ancora avuto quel salto di qualità necessario, anche per la frammentazione delle DOC di zona a fronte di vini molto simili tra loro (scarichi di colore, poca struttura, poco alcol).
Quest'area ha un grande potenziale vista la vicinanza con la città di Roma, ed è stata una scelta positiva quella di creare e promuovere la DOC CASTELLI ROMANI che anche per il suo nome costituisce motivo di richiamo, sia per la parola "castello" che evoca qualcosa di legato al vino come "chateau" per la Francia e "castello" per la Toscana, che per l'attributo "romano" che la accomuna alla città eterna.
Il paradosso di quest'area con prevalente produzione di bianchi, è che la strada verso la fama e la citazione sulle principali guide è stata segnata da tre vini rossi: il Vigna del Vassallo di Colle Picchioni (di Paola Di Mauro, con MERLOT/CABERNET SAUVIGNON/CABERNET FRANC) prodotto in località Frattocchie, il Torre Ercolana dei Marchesi Colacicchi (CABERNET/MERLOT/CESANESE, attuale proprietà di Marco Trimani, storico enotecario romano), il Fiorano Rosso del principe Boncompagni Ludovisi (CABERNET SAUVIGNON).
La qualità dei vini della cintura dei Castelli è passata particolarmente per l'utilizzo di un vitigno, la MALVASIA DEL LAZIO localmente chiamata MALVASIA PUNTINATA perché ogni acino presenta un puntino, ma avendo questo vitigno una produzione abbastanza incostante si sta progressivamente sostituendo con TREBBIANO GIALLO, TREBBIANO ROMAGNOLO, MALVASIA DI CANDIA. Questa maggiore produzione è ricercata attraverso il sistema di allevamento, con utilizzo quasi intensivo del tendone che arriva purtroppo a rese troppo alte.

All'interno dei Castelli Romani la DOC di riferimento è la FRASCATI, forse la più famosa ma anche la più vicina a Roma. Frascati nasce sull'antica Tusculum dove c'era la villa di Tiberio, e nei dintorni i cacciatori si ritiravano durante la notte sotto le "frascate", rifugi di fortuna costruiti nei boschi. La frascata è rimasta anche come simbolo del vino nuovo, e viene esposta una frasca ad indicare l'ultimazione della vendemmia e l'uscita del vino giovane.
Tipica dei Castelli è la vendita di vino sfuso e in modo particolare l'«ottobrata romana»: l'ottobrata era una ricorrenza per i romani, la gita ai Castelli, con la possibilità di bere un buon vino che, se fosse stato trasportato a Roma, probabilmente sarebbe giunto alterato.
Il CANNELLINO dolce è una tipologia tradizionale della DOC FRASCATI. Un tempo questo vino nasceva in virtù della realtà pedoclimatica all'epoca in cui l'Agro Pontino non era ancora stato bonificato, e il territorio paludoso favoriva la formazione di muffe nobili. Queste muffe bloccavano la fermentazione e concentravano gli zuccheri dando origine ad un ottimo vino dolce. Addirittura con i primi caldi primaverili le rifermentazioni davano vita ad un vino leggermente frizzante e beverino, la cosiddetta "Romanella". Oggi, invece, il Cannellino è prevalentemente ottenuto con vendemmia tardiva.
Anche se si è parlato spesso di una candidatura del FRASCATI a DOCG, il mancato accordo tra i produttori e l'assenza di una politica promozionale comune, non hanno ancora portato a tale risultato. I vitigni più utilizzati sono TREBBIANO TOSCANO, MALVASIA DI CANDIA, MALVASIA DEL LAZIO e GRECO.
Qualche produttore sta iniziando ad emergere con i vini bianchi e con la riscoperta di vitigni autoctoni come il CACCHIONE ed il BOMBINO BIANCO, ma si muove qualche critica per il presunto eccessivo utilizzo di vitigni internazionali. Ad esempio l'ottimo Vigna Adriana, della Castel de Paolis della famiglia G.Santarelli, è stato il primo bianco ad ottenere il riconoscimento AIS dei 5 grappoli ed usa come vitigno complementare alla MALVASIA PUNTINATA il vitigno francese VIOGNIER, che dà molta struttura, ed il SAUVIGNON BLANC. La Castel de Paolis produce anche un rosso molto quotato, I 4 mori, che sarebbero i quattro vitigni che concorrono all'uvaggio, SYRAH, MERLOT, CABERNET SAUVIGNON, e PETIT VERDOT. Altro vino interessante è il Santa Teresa di Fontana Candida, che prende il nome dal vigneto omonimo annesso alla cantina di Villa Fontana Candida a Monteporzio Catone.

Per quanto riguarda la parte nord della regione c'è una sorta di continuità con le regioni confinanti, e quindi la presenza di SANGIOVESE, TREBBIANO e MALVASIA.

Oltre al TREBBIANO TOSCANO ed alla MALVASIA BIANCA DI CANDIA che troviamo nel resto della regione, nel nord del Lazio il vitigno più importante è il GRECHETTO al confine con l'Umbria nella DOC interregionale ORVIETO.

Altro vitigno utilizzato è il ROSCETTO (o ROSSETTO) presente in particolare nella DOC EST! EST!! EST!!! DI MONTEFIASCONE. Il nome di questo vino è legato ad una sorta di leggenda , quella del monsignor Johannes Defuk (o Deuc), al seguito dell'imperatore Enrico V ed amante del vino di qualità, il quale, in procinto di viaggiare da quelle parti, inviò il suo coppiere in quelle zone chiedendogli di scrivere "EST" sulla porta delle cantine che servivano vino buono. Il servo Martino fu talmente colpito dal vino di Montefiascone che scrisse ben 3 volte la parola "EST". Poiché l'arcivescovo si trasferì a Montefiascone, c'è ancora la tradizione per cui una botte di vino nuovo viene ogni anno versata sulla sua tomba come buon auspicio e per ringraziamento. Il vino dell'epoca pare che fosse comunque diverso da quello attuale, era dolce e veniva realizzato con uva Moscatello di Montalcino.
A quest'area del Lazio a cavallo con l'Umbria è legata l'azienda Falesco di Renzo e Riccardo Cotarella, il primo responsabile commerciale della produzione di Antinori, il secondo affermato winemaker esperto di MERLOT, con consulenze anche a Bordeaux. Il vino di punta di questa cantina è il Montiano, 100% MERLOT. Nel viterbese, grazie anche all'uso di GRECHETTO in purezza, stanno emergendo bei prodotti, uno su tutti La Tour a Civitella di Mottura, un bianco elevato in barrique che fa riferimento a La Tour, produttore appunto di piccole botti che ha costituito una joint-venture con l'azienda laziale. Mottura fa anche un vino colpito da muffa nobile, il Muffo, con uvaggio GRECHETTO 50% e PROCANICO 50%, concepito e prodotto dal figlio che ha studiato 2 anni la produzione del Sauternes in Francia.

Nella zona del lago di Bolsena troviamo la DOC ALEATICO DI GRADOLI dove per produrre un rosso liquoroso dolce o passito si utilizza il vitigno ALEATICO, lo stesso dell'isola d'Elba. L'abbinamento tipico di questo vino è con il tozzetto viterbese, molto simile al cantuccio toscano (il biscotto della mattonella).

Nella DOC CERVETERI si produce un rosso tipico con SANGIOVESE e MONTEPULCIANO, più un bianco con TREBBIANO e MALVASIA.

Le DOC COLLI DELLA SABINA e COLLI ETRUSCHI VITERBESI hanno raccolto aree di produzione che da sole non esprimevano una loro identità. La Sabina in particolare è maggiormente vocata per la produzione di olio extravergine d'oliva (cfr. OIL WATCHING).

Andando verso sud entriamo nella provincia di Frosinone e troviamo quello che forse è il vero vitigno autoctono della regione, il CESANESE.
Le DOC sono tre, CESANESE DEL PIGLIO, CESANESE DI OLEVANO ROMANO e CESANESE DI AFFILE (quest'ultima purtroppo sta quasi scomparendo, perché pochi produttori la imbottigliano). I vitigni in particolare cono il CESANESE DI AFFILE e il CESANESE COMUNE, si vinifica un rosso secco ma ci sono anche delle versioni amabili, simili alla Vernaccia di Serrapetrona prodotta nelle Marche. Con un salto di qualità, in versione spumantizzata potrebbero dare del filo da torcere addirittura al Brachetto.
Sempre nella zona del frusinate troviamo un'altra DOC, la ATINA, dove è predominante la produzione di CABERNET SAUVIGNON sin dal 1800, e alcuni produttori (es: Palombo, Iucci, ecc.) fanno vini di un certo interesse.
Andando verso li litorale si attraversa la DOC CORI dove esiste un vitigno particolare molto legato alla zona, il NERO BUONO.
La DOC APRILIA esprime quantità industriali per le tre sottodenominazioni, TREBBIANO, SANGIOVESE e MERLOT. La presenza di tali vitigni risale al periodo della bonifica tra le due guerre mondiali, quando Veneti ed Emiliani emigrarono da queste parti e crearono una produzione di quantità in quanto il vino era considerato un alimento corroborante per il lavoro. Con un'azienda in particolare, il produttore Casale del Giglio, c'è stato un inserimento marcato di vitigni internazionali. I proprietari, la famiglia A.Santarelli, alcuni anni fa hanno iniziato una sperimentazione con il professor Scienza piantando molte varietà di vitigni e loro cloni (PETIT VERDOT, CABERNET SAUVIGNON, SYRAH, MERLOT, ecc.) procedendo poi a microvinificazioni e verificando quale potesse essere la resa del vitigno rispetto al terreno. Sono vitigni tipici bordolesi sui quali si è insistito per la presenza di terreno sabbioso (vista la vicinanza al mare). Il Mater Matuta (SYRAH 60%, PETIT VERDOT 40%) è il prodotto di punta dell'azienda.

DOCG = Denominazione di Origine Controllata e Garantita
DOC = Denominazione di Origine Controllata
IGT = Indicazione Geografica Tipica
DOP
= Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Le DOC

  • line_weight COLLI LANUVINI Bianco
    Zone: Comune di Genzano e parte di Lanuvio (Roma)
    Produzione: Malvasia di Candia e Malvasia Puntinata max 70%, Trebbiano Toscano/verde/giallo min 30%, altri vitigni max 10%
  • line_weight CORI Bianco
    Zone: Comune di Cori e parzialmente Cisterna di Latina (LT)
    Produzione: Malvasia di Candia max 70%, Trebbiano Toscano max 40%, Trebbiano Giallo /Bellone max 30%
  • line_weight FRASCATI Bianco Spumante
    Zone: Comprende per intero il territorio amministrativo, deicomuni di Frascati, Grottaferrata, Monteporzio Catone, ed in partequelli di Roma e Montecompatri.
    Produzione: Malvasia bianca di Candia 50%, Trebbiano Toscano 10-20%, Malvasia del Lazio (puntinata) 20-40%. Possono concorrere anche i vitigni Greco, Trebbiano Giallo, Bellone e Bombino bianco, max.30%; altre varieta’ di vitigni a bacca bianca racc.e/o autorizzati max.15%. Sono esclusi altri vitigni aromatici.
  • line_weight EST! EST!! EST!!! DI MONTEFIASCONE Bianco Spumante
    Zone: Comuni di Capodimonte, Bolsena,Gradoli,Marta, Grotte di Castro,Montefiascone, S.Lorenzo Nuovo in provincia di VT
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 65%, Malvasia bianca lunga 20%, Rossetto 15%
  • line_weight ZAGAROLO BIANCO SUPERIORE
    Zone: Comuni di Zagarolo e Gallicano nel Lazio (RM)
    Produzione: Malvasia di Candia max 70%, Trebbiano Toscano/ verde/ giallo min 30%, Bonvino e bellone max 10%
  • line_weight ZAGAROLO BIANCO
    Zone: Comuni di Zagarolo e Gallicano nel Lazio (RM)
    Produzione: Malvasia di Candia max 70%, Trebbiano Toscano/ verde/ giallo min 30%, Bonvino e bellone max 10%
  • line_weight VIGNANELLO Rosso Novello
    Zone: Corchiano, Bassano in Teverina, Vasanello, Vignanello, Fabrica di Roma, Gallese, Soriano nel Cimino (VT)
    Produzione: Sangiovese 40-60%, Ciliegiolo 40-50%, altri vitigni ammessi max 20%
  • line_weight VIGNANELLO Rosso
    Zone: Corchiano, Bassano in Teverina, Vasanello, Vignanello, Fabrica di Roma, Gallese, Soriano nel Cimino (VT)
    Produzione: Sangiovese 40-60%, Ciliegiolo 40-50%, altri vitigni ammessi max 20%
  • line_weight VIGNANELLO Rosato
    Zone: Corchiano, Bassano in Teverina, Vasanello, Vignanello, Fabrica di Roma, Gallese, Soriano nel Cimino (VT)
    Produzione: Sangiovese 40-60%, Ciliegiolo 40-50%, altri vitigni ammessi max 20%
  • line_weight ALEATICO DI GRADOLI Rosso Liquoroso
    Zone: Comuni di Gradoli, Grotte di Castro, S.Lorenzo Nuovo, Latera (parzialmente), in provincia di VT
    Produzione: Aleatico
  • line_weight ALEATICO DI GRADOLI Rosso Liquoroso Riserva
    Zone: Comuni di Gradoli, Grotte di Castro, S.Lorenzo Nuovo, Latera (parzialmente), in provincia di VT
    Produzione: Aleatico
  • line_weight ALEATICO DI GRADOLI Rosso
    Zone: Comuni di Gradoli, Grotte di Castro, S.Lorenzo Nuovo, Latera (parzialmente), in provincia di VT
    Produzione: Aleatico
  • line_weight APRILIA Merlot
    Zone: Comuni di Aprilia, Cisterna di Latina, Latina, Nettuno
    Produzione: Merlot min 95%
  • line_weight APRILIA Sangiovese
    Zone: Comuni di Aprilia, Cisterna di Latina, Latina, Nettuno
    Produzione: Sangiovese min 95%
  • line_weight APRILIA Trebbiano
    Zone: Comuni di Aprilia, Cisterna di Latina, Latina, Nettuno
    Produzione: Trebbiano min 95%
  • line_weight ATINA Cabernet Riserva
    Zone: Comuni di Atina, Gallinaro, Belmonte, Castello, Picinisco, S.Elia Fiumerapido, Alvito, Villa Latina, S.Donato Valcomino, Vicalvi, Casalattico, Casalvieri, Settefrati (FR)
    Produzione: Cabernet sauvignon e/o Cabernet franc min 85%; max 15% altri vitigni a bacca nera, non aromatici, racc. e/o autor. provincia di Frosinone
  • line_weight ATINA Cabernet
    Zone: Comuni di Atina, Gallinaro, Belmonte, Castello, Picinisco, S.Elia Fiumerapido, Alvito, Villa Latina, S.Donato Valcomino, Vicalvi, Casalattico, Casalvieri, Settefrati (FR)
    Produzione: Cabernet sauvignon e/o Cabernet franc min 85%; max 15% altri vitigni a bacca nera, non aromatici, racc. e/o autor. provincia di Frosinone
  • line_weight ATINA Rosso
    Zone: Comuni di Atina, Gallinaro, Belmonte, Castello, Picinisco, S.Elia Fiumerapido, Alvito, Villa Latina, S.Donato Valcomino, Vicalvi, Casalattico, Casalvieri, Settefrati (FR)
    Produzione: Cabernet sauvignon min 50%, Syrah min 10%, Merlot min 10%, Cabernet franc min 10%;max 20% altri vitigni a bacca nera, non aromatici, racc. e/o autor. provincia di Frosinone
  • line_weight ATINA Rosso Riserva
    Zone: Comuni di Atina, Gallinaro, Belmonte, Castello, Picinisco, S.Elia Fiumerapido, Alvito, Villa Latina, S.Donato Valcomino, Vicalvi, Casalattico, Casalvieri, Settefrati (FR)
    Produzione: Cabernet sauvignon min 50%, Syrah min 10%, Merlot min 10%, Cabernet franc min 10%;max 20% altri vitigni a bacca nera, non aromatici, racc. e/o autor. provincia di Frosinone
  • line_weight BIANCO CAPENA Bianco
    Zone: Capena, Castelnuovo di Porto, Fiano Romano, Morlupo (RM)
    Produzione: Malvasia di Candia, Malvasia bianca lunga, Trebbiano Toscano giallo, Trebbiano romagnolo 70-90%, Bellone/Bonvino max 20%, altri vitigni max 10%
  • line_weight BIANCO CAPENA Superiore
    Zone: Capena, Castelnuovo di Porto, Fiano Romano, Morlupo (RM)
    Produzione: Malvasia di Candia, Malvasia bianca lunga, Trebbiano Toscano giallo, Trebbiano romagnolo 70-90%, Bellone/Bonvino max 20%, altri vitigni max 10%
  • line_weight CASTELLI ROMANI Bianco
    Zone: Comuni di Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monteporzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, Velletri, Zagarolo e San Cesareo; parte dei comuni di Ardea, Artena, Montecompatri, Pomezia e Roma (RM); comune di Cori e parte dei comuni di Cisterna di Latina e Aprilia (LT)
    Produzione: Malvasia di candia, Malvasia Puntinata/Trebbiano Giallo, Trebbiano Toscano, Trebbiano Romagnolo, Trebbiano verde, Trebbiano di Soave, min 70%; altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CASTELLI ROMANI Rosato
    Zone: Comuni di Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monteporzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, Velletri, Zagarolo e San Cesareo; parte dei comuni di Ardea, Artena, Montecompatri, Pomezia e Roma (RM); comune di Cori e parte dei comuni di Cisterna di Latina e Aprilia (LT)
    Produzione: Sangiovese/ Montepulciano/ Cesanese/ Merlot/ Nero Buono, min 85%; altri vitigni a bacca nera max 15% oppure vitigni a bacca nera e bianca previsti per il Bianco e per il Rosso
  • line_weight CERVETERI Bianco
    Zone: Area comprendente i comuni di Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, S.Marinella, Allumiere, Tolfa, Roma, Tarquinia
    Produzione: Trebbiano toscano (loc.Procanico)/Trebbiano giallo min 50%, Malvasia di Candia/Malvasia del Lazio max 35%, altri a bacca bianca max 30% (tranne Pinot Grigio)
  • line_weight CERVETERI Rosso
    Zone: Comuni di Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monteporzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, Velletri, Zagarolo e San Cesareo; parte dei comuni di Ardea, Artena, Montecompatri, Pomezia e Roma (RM); comune di Cori e parte dei comuni di Cisterna di Latina e Aprilia (LT)
    Produzione: Sangiovese/ Montepulciano/ Cesanese/ Merlot/ Nero Buono, min 85%; altri vitigni a bacca nera max 15%
  • line_weight CESANESE DI AFFILE Rosso
    Zone: Comuni di Affile (RM), parte di Serrone (FR)
    Produzione: Cesanese di Affile e/o Cesanese comune min.90%, Sangiovese, Montepulciano,Barbera, Trebbiano toscano(Passerana), Bombino bianco (Ottenese) max 10%.
  • line_weight CESANESE DI OLEVANO ROMANO
    Zone: Comune di Olevano Romano, parte di Genazzano (RM)
    Produzione: Cesanese di Affile e/o Cesanese comune min.90%, Sangiovese, Montepulciano,Barbera, Trebbiano toscano(Passerana), Bombino bianco (Ottenese) max 10%
  • line_weight CIRCEO Bianco
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Trebbiano Toscano min 60%, Malvasia di Candia max 30%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CIRCEO Rosato
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Merlot min 85%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CIRCEO Rosso
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Merlot min 85%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CIRCEO Rosso Novello
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Merlot min 85%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CIRCEO Sangiovese
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Merlot min 85%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CIRCEO Sangiovese Rosato
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Merlot min 85%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight CIRCEO Trebbiano
    Zone: Comuni di Latina, Sabaudia, Terracina, S.Felice Circeo (LT)
    Produzione: Trebbiano Toscano min 85%, altri vitigni ammessi max 15%
  • line_weight COLLI ALBANI Bianco
    Zone: Comuni di Ariccia ed Albano ed in parte quelli di Pomezia, Ardea, Castelgandolfo e Lanuvio.
    Produzione: Malvasia di Candia max 60%, Trebbiano Toscano/giallo/romagnolo/di Soave 25-50%, Malvasia del Lazio 5-45%, altri vitigni a bacca bianca max 10%
  • line_weight COLLI ALBANI Bianco Superiore
    Zone: Comuni di Ariccia ed Albano ed in parte quelli di Pomezia, Ardea, Castelgandolfo e Lanuvio.
    Produzione: Malvasia di Candia max 60%, Trebbiano Toscano/giallo/romagnolo/di Soave 25-50%, Malvasia del Lazio 5-45%, altri vitigni a bacca bianca max 10%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Bianco Frizzante
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Trebbiano Toscano/Trebbiano Giallo min 40%, Malvasia del Lazio/Malvasia di Candia min 40%, altri vitigni max 20%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Bianco Spumante
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Trebbiano Toscano/Trebbiano Giallo min 40%, Malvasia del Lazio/Malvasia di Candia min 40%, altri vitigni max 20%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Bianco
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Trebbiano Toscano/Trebbiano Giallo min 40%, Malvasia del Lazio/Malvasia di Candia min 40%, altri vitigni max 20%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Rosato Frizzante
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Sangiovese 40-70%, Montepulciano 15-40%, altri vitigni max 30%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Rosato
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Sangiovese 40-70%, Montepulciano 15-40%, altri vitigni max 30%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Rosso
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Sangiovese 40-70%, Montepulciano 15-40%, altri vitigni max 30%
  • line_weight COLLI DELLA SABINA Rosso Frizzante
    Zone: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara Sabina, Selci, Tarano, Collevecchio, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli in Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Stimigliano, Torri in Sabina,Marcellina, Mentana, S.Angelo Romano, Guidonia-Montecelio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, S.Polo dei Cavalieri.
    Produzione: Sangiovese 40-70%, Montepulciano 15-40%, altri vitigni max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Bianco
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano toscano (loc.Procanico) 40-80%, Malvasia toscana o Malvasia del Lazio max 30%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Bianco Frizzante Secco
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano toscano (loc.Procanico) 40-80%, Malvasia toscana o Malvasia del Lazio max 30%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Bianco Frizzante Amabile
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano toscano (loc.Procanico) 40-80%, Malvasia toscana o Malvasia del Lazio max 30%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Canaiolo Amabile
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Canaiolo Nero min 85%, altri vitigni max 15% tranne il Ciliegiolo
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Grechetto Bianco
    Zone: Intero territorio amministrativo dei comuni di Viterbo, Vitorchiano, Bomarzo, Graffignano, Celleno, Civitella d’ Agliano, Bagnoregio, Castiglione in Teverina, Lubriano, Vetralla, Blera, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano, Oriolo Romano, Monte Romano, Tuscania, Arlena di Castro, Tessennano, Canino, Cellere, Piansano, Ischia di Castro, Farnese, Valentano, Latera, Onano, Proceno, Acquapendente, Grotte di Castro, Gradoli, Capodimonte, Marta, Montefiascone, Bolsena, San Lorenzo Nuovo, Orte e Bassano in Teverina.
    Produzione: Greco bianco (grechetto) min 85%, altri vitigni max 15% (esclusa Malvasia di Candia)
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Grechetto Novello Bianco
    Zone: Intero territorio amministrativo dei comuni di Viterbo, Vitorchiano, Bomarzo, Graffignano, Celleno, Civitella d’ Agliano, Bagnoregio, Castiglione in Teverina, Lubriano, Vetralla, Blera, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano, Oriolo Romano, Monte Romano, Tuscania, Arlena di Castro, Tessennano, Canino, Cellere, Piansano, Ischia di Castro, Farnese, Valentano, Latera, Onano, Proceno, Acquapendente, Grotte di Castro, Gradoli, Capodimonte, Marta, Montefiascone, Bolsena, San Lorenzo Nuovo, Orte e Bassano in Teverina.
    Produzione: Greco bianco (grechetto) min 85%, altri vitigni max 15% (esclusa Malvasia di Candia)
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Grechetto Rosso
    Zone: Intero territorio amministrativo dei comuni di Viterbo, Vitorchiano, Bomarzo, Graffignano, Celleno, Civitella d’ Agliano, Bagnoregio, Castiglione in Teverina, Lubriano, Vetralla, Blera, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano, Oriolo Romano, Monte Romano, Tuscania, Arlena di Castro, Tessennano, Canino, Cellere, Piansano, Ischia di Castro, Farnese, Valentano, Latera, Onano, Proceno, Acquapendente, Grotte di Castro, Gradoli, Capodimonte, Marta, Montefiascone, Bolsena, San Lorenzo Nuovo, Orte e Bassano in Teverina.
    Produzione: Grechetto rosso (grechetto) min 85%, altri vitigni max 15% (escluso Ciliegiolo)
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Merlot
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Merlot min 85%, altri vitigni max 15% tranne il Ciliegiolo
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Moscatello
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Moscato bianco (loc. Moscatello) min 85%, altri max 15% tranne Malvasia di Candia
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Moscatello Passito
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art.3 del disciplinare)
    Produzione: Moscato bianco (loc. Moscatello) min 85%, altri max 15% tranne Malvasia di Candia
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Procanico
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano toscano (loc.Procanico) min 85%, altri max 15% tranne Malvasia di Candia
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Rosato
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Sangiovese 50-65%, Montepulciano 20-45%, altri max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Rossetto Amabile
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano giallo (loc.Rossetto) min 85%, altri max 15% tranne Malvasia di Candia
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Rosso
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Sangiovese 50-65%, Montepulciano 20-45%, altri max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Rosso Novello
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Sangiovese 50-65%, Montepulciano 20-45%, altri max 30%
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Sangiovese Rosato
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Sangiovese min 85%, altri vitigni max 15% tranne il Ciliegiolo
  • line_weight COLLI ETRUSCHI VITERBESI Violone
    Zone: Comuni della provincia di Viterbo (cfr. art 3 del disciplinare)
    Produzione: Montepulciano (loc.Violone) min 85%, altri vitigni max 15% tranne il Ciliegiolo
  • line_weight CORI Rosso
    Zone: Comune di Cori e parzialmente Cisterna di Latina (LT)
    Produzione: Montepulciano 40-60%, Nero Buono 20-40%, Cesanese Comune 10-30%
  • line_weight EST! EST!! EST!!! DI MONTEFIASCONE Bianco Secco
    Zone: Comuni di Capodimonte, Bolsena,Gradoli,Marta, Grotte di Castro,Montefiascone, S.Lorenzo Nuovo in provincia di VT
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 65%, Malvasia bianca lunga 20%, Rossetto 15%
  • line_weight EST! EST!! EST!!! DI MONTEFIASCONE Bianco Amabile
    Zone: Comuni di Capodimonte, Bolsena,Gradoli,Marta, Grotte di Castro,Montefiascone, S.Lorenzo Nuovo in provincia di VT
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 65%, Malvasia bianca lunga 20%, Rossetto 15%
  • line_weight FRASCATI Bianco Superiore
    Zone: Comprende per intero il territorio amministrativo, deicomuni di Frascati, Grottaferrata, Monteporzio Catone, ed in partequelli di Roma e Montecompatri.
    Produzione: Malvasia bianca di Candia 50%, Trebbiano Toscano 10-20%, Malvasia del Lazio (puntinata) 20-40%. Possono concorrere anche i vitigni Greco, Trebbiano Giallo, Bellone e Bombino bianco, max.30%; altre varieta’ di vitigni a bacca bianca racc.e/o autorizzati max.15%. Sono esclusi altri vitigni aromatici.
  • line_weight FRASCATI Bianco
    Zone: Comprende per intero il territorio amministrativo, deicomuni di Frascati, Grottaferrata, Monteporzio Catone, ed in partequelli di Roma e Montecompatri.
    Produzione: Malvasia bianca di Candia 50%, Trebbiano Toscano 10-20%, Malvasia del Lazio (puntinata) 20-40%. Possono concorrere anche i vitigni Greco, Trebbiano Giallo, Bellone e Bombino bianco, max.30%; altre varieta’ di vitigni a bacca bianca racc.e/o autorizzati max.15%. Sono esclusi altri vitigni aromatici.
  • line_weight FRASCATI Cannellino
    Zone: Comprende per intero il territorio amministrativo, deicomuni di Frascati, Grottaferrata, Monteporzio Catone, ed in partequelli di Roma e Montecompatri.
    Produzione: Malvasia bianca di Candia 50%, Trebbiano Toscano 10-20%, Malvasia del Lazio (puntinata) 20-40%. Possono concorrere anche i vitigni Greco, Trebbiano Giallo, Bellone e Bombino bianco, max.30%; altre varieta’ di vitigni a bacca bianca racc.e/o autorizzati max.15%. Sono esclusi altri vitigni aromatici.
  • line_weight GENAZZANO Bianco
    Zone: Comuni di Genazzano, Cave, Olevano Romano, San Vito Romano (RM); Paliano (FR)
    Produzione: Malvasia di Candia 50-70%, Bellone e Bombino 10-30%, Trebbiano Toscano/Pinot Bianco e altri vitigni max 40%
  • line_weight GENAZZANO Rosso
    Zone: Comuni di Genazzano, Cave, Olevano Romano, San Vito Romano (RM); Paliano (FR)
    Produzione: Sangiovese 70-90%, Cesanese 10-30%, altri vitigni ammessi max 20%
  • line_weight MARINO Bianco Superiore
    Zone: Comuni di Marino e parte di Castel Gandolfo (RM)
    Produzione: Malvasia Bianca di Candia max 60%, Trebbiano Toscano/ Giallo/ Romagnolo/ di Soave 25-55%, Malvasia del Lazio (loc.Malvasia puntinata) 5-45%, altri vitigni max 10% (tranne varietà Moscato)
  • line_weight MONTECOMPATRI COLONNA Bianco Superiore
    Zone: Comuni di Colonna, Montecompatri, Zagarolo, Rocca Priora (RM)
    Produzione: Malvasia di Candia, Malvasia Puntinata max 70%, Trebbiano Toscano/ Verde/ Giallo min 30%, Bonvino e Bellone max 10%
  • line_weight MARINO Bianco
    Zone: Comuni di Marino e parte di Castel Gandolfo (RM)
    Produzione: Malvasia Bianca di Candia max 60%, Trebbiano Toscano/ Giallo/ Romagnolo/ di Soave 25-55%, Malvasia del Lazio (loc.Malvasia puntinata) 5-45%, altri vitigni max 10% (tranne varietà Moscato)
  • line_weight MONTECOMPATRI COLONNA Bianco
    Zone: Comuni di Colonna, Montecompatri, Zagarolo, Rocca Priora (RM)
    Produzione: Malvasia di Candia, Malvasia Puntinata max 70%, Trebbiano Toscano/ Verde/ Giallo min 30%, Bonvino e Bellone max 10%
  • line_weight ORVIETO Bianco Superiore
    Zone: Orvieto, Allerona, Alviano, Baschi, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Ficulle, Guardea, Montecchio, Fabro, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Porano in provincia di Terni e Castiglione in Teverina, Civitella D’Agliano, Graffignano, Lubriano, Bagnoregio in provincia di Viterbo.
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 40-60%, Verdello 15-25%, Grechetto, Canaiolo bianco (loc.Drupeggio) e Malvasia toscana (max 20%) per la differenza, più altri vitigni ammessi max 15%
  • line_weight ORVIETO Bianco
    Zone: Orvieto, Allerona, Alviano, Baschi, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Ficulle, Guardea, Montecchio, Fabro, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Porano in provincia di Terni e Castiglione in Teverina, Civitella D’Agliano, Graffignano, Lubriano, Bagnoregio in provincia di Viterbo.
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 40-60%, Verdello 15-25%, Grechetto, Canaiolo bianco (loc.Drupeggio) e Malvasia toscana (max 20%) per la differenza, più altri vitigni ammessi max 15%
  • line_weight ORVIETO Classico
    Zone: Zona come da decreto ministeriale 23 ottobre 1931, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 288 del 15 dicembre 1931 (cfr.art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 40-60%, Verdello 15-25%, Grechetto, Canaiolo bianco (loc.Drupeggio) e Malvasia toscana (max 20%) per la differenza, più altri vitigni ammessi max 15%
  • line_weight ORVIETO Classico Superiore
    Zone: Zona come da decreto ministeriale 23 ottobre 1931, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 288 del 15 dicembre 1931 (cfr.art 3 del disciplinare)
    Produzione: Trebbiano Toscano (loc.Procanico) 40-60%, Verdello 15-25%, Grechetto, Canaiolo bianco (loc.Drupeggio) e Malvasia toscana (max 20%) per la differenza, più altri vitigni ammessi max 15%
  • line_weight TARQUINIA Bianco
    Zone: Comuni di Allumiere, Tolfa, Bracciano, Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, Santa Marinella, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano, Anguillara ed, in parte, i comuni di Campagnano Romano, Roma, Fiumicino e Formello; comuni di Montalto di Castro, Tarquinia, Blera, Oriolo Romano, Sutri, Bassano Romano, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano,Tessennano, Tuscania, Monteromano, Ronciglione, Arlena di Castro e Capranica.
    Produzione: Trebbiano toscano (loc.Procanico)/Trebbiano giallo min 50%, Malvasia di Candia/Malvasia del Lazio max 35%, altri a bacca bianca max 30% (tranne Pinot Grigio)
  • line_weight TARQUINIA Rosato
    Zone: Comuni di Allumiere, Tolfa, Bracciano, Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, Santa Marinella, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano, Anguillara ed, in parte, i comuni di Campagnano Romano, Roma, Fiumicino e Formello; comuni di Montalto di Castro, Tarquinia, Blera, Oriolo Romano, Sutri, Bassano Romano, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano,Tessennano, Tuscania, Monteromano, Ronciglione, Arlena di Castro e Capranica.
    Produzione: Sangiovese 25-60%, Montepulciano 25-60%, Cesanese comune max 25%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight TARQUINIA Rosso
    Zone: Comuni di Allumiere, Tolfa, Bracciano, Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, Santa Marinella, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano, Anguillara ed, in parte, i comuni di Campagnano Romano, Roma, Fiumicino e Formello; comuni di Montalto di Castro, Tarquinia, Blera, Oriolo Romano, Sutri, Bassano Romano, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano,Tessennano, Tuscania, Monteromano, Ronciglione, Arlena di Castro e Capranica.
    Produzione: Sangiovese 25-60%, Montepulciano 25-60%, Cesanese comune max 25%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight TARQUINIA Rosso Novello
    Zone: Comuni di Allumiere, Tolfa, Bracciano, Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, Santa Marinella, Canale Monterano, Manziana, Trevignano Romano, Anguillara ed, in parte, i comuni di Campagnano Romano, Roma, Fiumicino e Formello; comuni di Montalto di Castro, Tarquinia, Blera, Oriolo Romano, Sutri, Bassano Romano, Villa San Giovanni in Tuscia, Barbarano Romano, Vejano,Tessennano, Tuscania, Monteromano, Ronciglione, Arlena di Castro e Capranica.
    Produzione: Sangiovese 25-60%, Montepulciano 25-60%, Cesanese comune max 25%, altri vitigni ammessi max 30%
  • line_weight VELLETRI Bianco
    Zone: Comuni di Lariano, Velletri (RM), Cisterna di Latina (LT)
    Produzione: Malvasia di Candia e/o Malvasia Puntinata max 70%, Trebbiano Toscano/ verde/ giallo min 30%, Bonvino/Bellone e altri max 20%
  • line_weight VELLETRI Bianco Superiore Secco
    Zone: Comuni di Lariano, Velletri (RM), Cisterna di Latina (LT)
    Produzione: Malvasia di Candia e/o Malvasia Puntinata max 70%, Trebbiano Toscano/ verde/ giallo min 30%, Bonvino/Bellone e altri max 20%
  • line_weight VELLETRI Rosso
    Zone: Comuni di Lariano, Velletri (RM), Cisterna di Latina (LT)
    Produzione: Sangiovese 10-45%, Montepulciano 30-50%, Cesanese comune e/o di Affile min 10%, Merlot/Bombino Nero/Ciliegiolo e altri ammessi max 30%
  • line_weight VELLETRI Rosso Secco Riserva
    Zone: Comuni di Lariano, Velletri (RM), Cisterna di Latina (LT)
    Produzione: Sangiovese 10-45%, Montepulciano 30-50%, Cesanese comune e/o di Affile min 10%, Merlot/Bombino Nero/Ciliegiolo e altri ammessi max 30%
  • line_weight SANT’ANNA DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO
    Zone:
    Produzione:
  • line_weight CESANESE DEL PIGLIO Rosso
    Zone: Provincia di Frosinone che comprende tutto il territorio comunale di Piglio, Serrone e parte del territorio di Acuto, Anagni e Paliano.
    Produzione: min. 90% Cesanese di Affile e/o comune, vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella regione Lazio max 10%. Immissione al consumo dopo il 1° luglio del secondo anno successivo alla vendemmia. I vini possono essere sottoposti ad un periodo di invecchiamento in recipienti di legno e di affinamento in bottiglia. La menzione “Riserva” per il vino sottoposto ad un periodo di invecchiamento non inferiore a 20 mesi, di cui 6 mesi in bottiglia e alcol vol. tot. min. 14%

L'Esperto consiglia

Pecorino Romano

Pecorino è un termine generico e come tale può essere usato per indicare qualunque formaggio fatto con latte di pecora. E infatti, in Italia esiste una grande varietà di pecorini, tutti caratteristici di particolari aree o di determinate razze ovine. Il Pecorino Romano, la cui antica zona di origine è il territorio dell'Agro Romano, è uno dei formaggi più antichi del mondo. Molti autori romani come Varrone, Plinio il Vecchio, Ippocrate e Columella, parlano dettagliatamente nei loro libri delle antiche tecniche di caseificazione e il confronto con le moderne non evidenzia modifiche sostanziali. Oltre alla zona di origine, fin dal secolo scorso fu la Sardegna a divenire il centro di maggiore produzione. E infatti, ancora oggi, benché "romano" questo pecorino proviene in gran parte da questa regione, ove le tecniche di lavorazione ad esso connesse furono diffuse ad opera di alcuni intraprendenti imprenditori romani e napoletani. Notevole è il successo commerciale del Pecorino Romano che viene esportato soprattutto negli Stati Uniti. Il Pecorino romano ha una pasta dalla struttura compatta o leggermente occhiata; al taglio il colore si presenta variabile dal bianco al paglierino più o meno intenso. Il sapore è aromatico e gradevolmente piccante a seconda della stagionatura, che va dai cinque mesi per il formaggio da tavola ad almeno otto mesi per il formaggio da grattugia.

Scopri le caratteristiche dei
prodotti tipici di questa regione
!