VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

BARSAGLINA

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Il vitigno Barsaglina è presente solo nella provincia di Massa Carrara, dove conta una superficie coltivata totale di soli 33 ettari. La Barsaglina è quindi un vitigno che rimane un prodotto di nicchia vista la bassissima produzione ma allo stesso tempo ha saputo attirare curiosità e interesse anche da zone diverse dai Colli Apuani, espandendo i suoi territori fino a raggiungere i terreni dei Colli di Luni in Liguria. A fine novecento il vitigno Barsaglina poteva considerarsi in via di estinzione e il motivo di tale abbandono era che si riteneva apportasse profumi sgradevoli al vino, che addirittura emanava cattivi odori che scoraggiavano la bevuta.
In realtà gli odori sgradevoli erano da imputarsi a mancanze nella tecnica enologica tradizionale dove veniva coltivato, tanto che vinificazioni accurate hanno smentito queste voci. Nei primi anni 2000 la superficie coltivata a Barsaglina era di soli 30 ettari. E’ stato dimostrato che il vitigno Barsaglina ha delle somiglianze morfologiche con il più noto Sangiovese, tanto da far presagire una stretta relazione tra le due varietà.

Altre informazioni: Il Barsaglina ha un grappolo de lunghezza media e aspetto piramidale. L’acino ha buccia molto pruinosa di color nero-violaceo e polpa succosa leggermente colorata di rosa e dal sapore neutro. E’ un vitigno che ha buona produzione, resiste bene a tutte le avversità ma soffre molto l’oidio. Il vino che si ottiene dalla Barsaglina ha alto contenuto di antociani e fenoli ed è quindi tannico e dai colori intensi. Al naso si riconoscono profumi di frutti di bosco, ribes e violetta. In bocca il vino è di buon corpo e presenta un’acidità che ne permette un buon invecchiamento. Grazie a queste caratteristiche la Barsaglina, dopo nove anni dalla sua introduzione nella DOC Candia dei Colli Apuani è passata da un utilizzo in basse percentuali per conferire corpo e colore ai vini alla vinificazione in purezza.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com