VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

Premetta

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Vitigno autoctono valdostano, conosciuto dai "vignerons" anche come Prié rouge o Neblou, occupa un areale di coltivazione non molto ampio, che si estende da Aosta ad Avise, sulla destra e sulla sinistra orografica della Dora Baltea, fino ad un'altitudine di circa 750 metri, spesso in associazione con altre varietà. E' diffuso soprattutto nei vecchi vigneti di Saint-Pierre ed Aymavilles, ma per ora esistono pochi vigneti in coltura specializzata.
E' uva base del DOC Valle d'Aosta Premetta e concorre alla produzione di altri vini rossi VDA DOC.

Altre informazioni: Le uve della Premetta originano un vino molto particolare: al colore appare rosato appena carico, con tonalità aranciate fin da giovane; il profumo è particolare, avvolgente e delicato; il palato rivela una leggera carenza di acidità sostenuta da buon corpo e marcata tannicità.
Un moderato affinamento del vino giova alla complessità aromatica e all'ammorbidimento dell'astringenza.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com