Filindeu

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Consiste in un fitto reticolato(quasi un lavoro da oreficeria alimentare)di sottile pasta di semola di grano duro, fatto essiccare sino al raggiungimento di una consistenza vitrea per la conservazione.
La si spezza al momento dell’uso facendola cuocere in brodo di pecora, insieme a tocchetti di formaggio pecorino fresco acido.

Pasta dal nome sicuramente di origine spagnola. È tra le più caratteristiche della Sardegna per il metodo di lavorazione e per l’aspetto.La si può trovare oggi quasi esclusivamente nella festa campestre di S. Francesco di Lula dove è un piatto rituale e augurale per i pellegrini.

Zone di produzione:  La Barbagia, regione della Sardegna nella zona del Gennergentu.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Capocollo di Martina Franca

SLOWFOOD
Da sempre in Puglia si sa che i migliori insaccati arrivano da Martina Franca, al punto che un tempo, nel Tarantino o nel Salento, al momento della ma... toc

Pannerone di Lodi

SLOWFOOD
Il nome Pannerone deriva da “panéra” che in dialetto lodigiano significa crema di latte, panna; poiché prevede l’utili... toc

Robiola di Roccaverano classica

SLOWFOOD
Forse non tutti sanno che il Roccaverano – il formaggio prodotto sulle colline aspre e incolte della Langa astigiana – è l’un... toc