VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

MINUTOLO

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

ll vitigno Minutolo è presente da tempo remoto nella Val d’Itria, situata in Puglia tra le province di Bari, Brindisi e Taranto, dov’era conosciuto come Fiano Minutolo ma anche Moscatellina, per le sue caratteristiche aromatiche. In realtà i caratteri ampelografici e l’aromaticità lo rendono completamente diverso dal Fiano, originario della zona di Avellino. Il Minutolo è stato in passato usato in minima percentuale nelle DOC di Locorotondo e Martina Franca, ma in seguito è sostituito dal Bianco di Alessano e dalla Verdeca, più produttivi e ormai più comuni in queste zone. Il Minutolo, come altri antichi autoctoni pugliesi non molto produttivi per i grappoli di piccole dimensioni e spargoli, era vicino all’estinzione e se ne erano perse le tracce a partire dagli anni Settanta dello scorso secolo, ma è stato recentemente riscoperto nel corso di una ricerca volta a ritrovare i vecchi vigneti dispersi nel territorio.

Altre informazioni: Il Minutolo ha un grappolo di medie dimensioni, cilindrico e piuttosto allungato, dotato di più ali. Gli acini sono di forma ellissoidale, medio-piccoli, con buccia coriacea leggermente pruinosa che a maturazione assume un colore giallo dorato con sfumature ambrate. Il Minutolo è un vitigno di media vigoria, che predilige terreni argilloso-calcarei e coltivazione a spalliera o ad alberello. La sua epoca di maturazione è attorno ai primi di settembre. Con un’adeguata vinificazione in riduzione (ossia in acciaio, con temperature piuttosto basse e limitando più possibile il contatto con l’ossigeno) il Minutolo può dare vini molto interessanti, profumati e fragranti, con una caratteristica e intensa nota aromatica. Al palato questi vini risultano asciutti e sapidi e di buona armonia gustativa. Più recentemente sono state proposti dei vini da Minutolo prodotti con utilizzo del legno, sia in fase di fermentazione che di affinamento.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com