VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

Perera

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

È conosciuta anche con il nome di Pevarise nella zona di Valdobbiadene. Era un tempo molto presente nella zona intorno a Valdobbiadene, soprattutto a Santo Stefano e a San Pietro di Barbozza ed era particolarmente ricercata dai vendemmiatori per la bontà delle sue bacche. Il nome è dovuto, probabilmente, al gusto particolare (di pera) della polpa dell'acino, oppure alla forma che richiama una pera rovesciata. Ha grappolo grande, spargolo, con acini di dimensioni uniformi; l'acino subrotondo è a maturità di colore giallo dorato ed ha la polpa un po' consistente. Matura contemporaneamente al Prosecco e vinificata assieme conferisce al vino un particolare caratteristico profumo, sapidità e morbidezza. È molto sensibile alla flavescenza dorata e al diffondersi di tale malattia è praticamente scomparsa.

Altre informazioni: Se ne ricava un vino giallo dorato dai profumi fruttati e intensi, il sapore è sapido e pieno.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com