VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

Casetta o Foja Tonda

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Vuole la leggenda che questa varietà abbia avuto origine nella piccola valle di San Valentino in Trentino, per poi diffondersi nella parallela valle Lagarina. Oggi, è coltivata nelle province di Trento e di Verona. Il Casetta, che prende il nome da una famiglia che viveva nella frazione di Marani, era quasi scomparso nel 1990 quando Albino Armani (titolare dell'omonima azienda) e Tiziano Tomasi (la cui azienda di famiglia è la Cà Da Lora) diedero vita ad un progetto per lo studio di questa varietà, da portare avanti con l'Istituto Agrario di San Michele all'Adige, dove Tomasi operava come ricercatore. Il Casetta è ricco di polifenoli, ha una pronunciata acidità e tannini relativamente alti. I vini a base di Casetta possono tranquillamente continuare ad evolversi per dieci anni e più. "Questo non è un vino moderno", ci avverte Tomasi....

Altre informazioni: Il colore è rubino molto concentrato nentre al naso presenta tracce di catrame e note terrose minerali. In bocca possiede tannini decisi e sabbiosi associati ad un notevole acidità e a note erbacee con sentori di prugna, lampone e ciliegia.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com