VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

Forgiarin

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Poco si conosce sull’origine di questo vitigno; molto probabilmente prende il nome da Forgaria, paese del Friuli Occidentale. Nell’esposizione regionale delle uve tenutasi a Udine presso i locali dell’Associazione Agraria Friulana di Udine del 1863 veniva indicata l’area di coltivazione nei colli di San Daniele, mentre nelle citazioni del Pirona l’ara di coltivazione si estendeva allo Spilimberghese e Maniaghese. Oggi si coltiva solo nei Comuni di Pinzano al Tagliamento e Castelnuovo del Friuli.

Altre informazioni: Il vino risultante è spesso morbido, leggermente amabile a seconda delle annate. Armonia nel rapporto alcol, acidità, tannino. Talvolta con notevole residuo zuccherino e basso tenore alcolico. Ricorda nettamente il Pinot nero o un Lago di Caldaro, con le stesse caratteristiche di facilità di consumo e di piacevoli sensazioni. Elegante e piacevole, difficile da giudicare perché è un vino che esce dai canoni tradizionali. È insomma un vino tutto da scoprire.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com