Frizze

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

La produzione di questa tipologia di frattaglie risale a più di trent'anni fa ed è diffusa in quasi tutti i comuni della valle Bormida.
L'80% della produzione trova sbocco sul mercato locale, per il restante 20% la commercializzazione avviene a livello regionale.
Il canale di diffusione è il piccolo dettaglio tradizionale. La carne non compare frequentemente sulle tavole ed è comunque sempre protagonista di momenti particolari come il matrimonio o la nascita di figli, presente in ricorrenze come il Natale o la Pasqua, la mietitura o il giorno del Santo Patrono. Ma la vera festa è sempre stata, per tradizione, condizionata dall'uccisione del maiale: la famiglia intera si riunisce, per dare una mano nella confezione delle carni. La necessità di consumare nel breve periodo le frattaglie facilmente deperibili ha stimolato la fantasia rurale. Questo è il caso delle frizze o grive, frattaglie spezziate racchiuse nell'omento dove al prezioso pepe si sostituiscono le bacche di ginepro, succedaneo contadino di un prodotto all'epoca troppo caro, che lo ricorda almeno nella forma. Un'altra ricetta tipica della val Bormida e relativa al momento particolare dell'uccisione del maiale è il fegato in agliata.
La produzione di frattaglie non è caratteristica di una località precisa ma è diffusa in quasi tutti i comuni della valle Bormida e nell'entroterra savonese.

caratteristiche: Frattaglie a base di fegato di maiale e salsiccia con aggiunta di bacche di ginepro.

preparazione: Si trita fegato di maiale, salsiccia e si aggiungono le bacche di ginepro. Si insacca il tutto nel velo del maiale e si amalgama a palline da 50 g ciascuna. Possono essere scaldate a bagno maria, cotte sulla piastra o fritte. Conservazione 3 - 4 giorni. Nessuna stagionatura. Per la sua preparazione occorrono tritacarne, coltello, insaccatore, tavolo da lavoro in marmo o acciaio

Zone di produzione:  Val Bormida

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

MOZZARELLA

STG
La mozzarella di tipologia tradizionale è un tipo di formaggio: fresco a pasta filata, molle. Viene impiegato latte vaccino e caglio bovino l... toc

Fava di Carpino

SLOWFOOD
I terreni calcarei e argillosi di Carpino sono perfetti per la coltivazione delle fave. E non a caso proprio qui, da sempre, si coltiva una delle vari... toc

Mandorle di Noto

SLOWFOOD
Nei mandorleti di Noto si lavora alla fine di settembre per potare gli alberi, a dicembre per innestare le piante selvatiche; tre o quattro volte l'an... toc