Aceto di mele

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

L'aceto viene usato per insaporire i cibi e per renderli maggiormente digeribili. Non vanno dimenticate anche le sue doti disinfettanti e rinfrescanti e le sue capacità anti infiammatorie del cavo oro-faringeo.
L'aceto di mele, dal gusto delicato, si presta ad essere un valido sostituto dell'aceto prodotto dal vino.
Nell'antica Roma, nelle regioni in cui vi era penuria di vino e quindi anche di aceto si raccoglievano i fichi stramaturi per la produzione di un liquido che andava a sostituire l'aceto derivante dalla fermentazione acetica del vino.
Columella ci riporta la ricetta: "...si dispongono in botticelle o in anfore e lì si lasciano fermentare; quando poi sono divenuti acidi e hanno lasciato del liquido, si cola tutta la quantità di liquido acetoso che c'è e si versa in vasi spalmati di pece che ne conservano bene l'odore."
E conclude: "Questo liquido serve come il migliore e il più forte aceto". Evidentemente non avevano ancora provato quello di mele.

Prodotto derivato dall'affinamento del sidro, di mele o pere, attraverso il processo di acidificazione del prodotto.
Dal sidro infatti si produceva un ottimo aceto di mele che, a detta di molti, presenta caratteristiche organolettiche eccellenti.

L'affinamento del vin de meie avviene in piccoli barili di legno (caratelli) per il completamento del processo di acidificazione. L'aceto, il cui nome è
la traduzione del latino acetum, nasce dalla fermentazione spontanea del vino o di altre bevande contenenti alcool. L'agente che determina tale fermentazione è
un piccolo fungo, Mycoderma aceti.

Zone di produzione:  Entroterra ligure

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Fico Bianco del Cilento

DOP
Frutto dal sapore dolciastro con buccia verde-giallastra è sicuramente punto di riferimento della tavola, grazie alle sue innumerevoli utilizza... toc

CANESTRATO PUGLIESE

DOP
Il Canestrato Pugliese deriva il suo nome dai canestri di giunco entro cui lo si fa stagionare per un periodo più o meno lungo. Viene impiegato... toc

Pallotte (Pallottole)

NC
Le materie prime sono: carne di maiale macinata, pane sbriciolato, sale, pepe, uova, pecorino, aglio, prezzemolo e strutto. Si impastano gli ingredie... toc