Olio extravergine di oliva Pretuziano delle Colline Teramane

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

L'olio extravergine di oliva Pretuziano delle Colline Teramane ha un colore giallo verdognolo, un odore fruttato medio, un sapore medio fruttato con media sensazione di amaro e piccante, un'acidità massima dello 0,50%. E' ottenuto dalle varietà di olivo Leccino, Frantoio e Dritta congiuntamente fino al 75%, il restante 25% è rappresentato da varietà locali minori, tra le quali sono maggiormente diffuse il Tortiglione, la Carboncella e la Castiglionese. L'olio Pretuziano delle Colline Teramane può essere commercializzato in recipienti o bottiglie di capacità non superiore a 5 litri. Sulla confezione o sull'etichetta devono essere riportati la denominazione di origine protetta "Pretuziano delle Colline Teramane", il nome e cognome o ragione sociale del produttore e la campagna olearia di produzione delle olive da cui l'olio è ottenuto.

AIPROL - ASS. INTERPROVINCIALE PRODUTTORI OLIVICOLI DI TERAMO E DI L'AQUILA OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA COLLINE TERAMANE aiprolte@virgilio.it

Zone di produzione:  Fascia collinare che attraversa tutta la provincia di Teramo.Seguenti comuni: Ancarano, Atri, Basciano, Bellante, Bisenti, Canzano, Castellalto, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Cellino Attanasio, Cermignano, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Montefino, Morro D'Oro, Mosciano S. Angelo, Nereto, Notaresco, Penna S. Andrea, S. Egidio alla Vibrata, S. Omero, Torano Nuovo; e parzialmente i comuni di: Alba Adriatica, Arsita, Campli, Castel Castagna, Civitella del Tronto, Colledara, Giulianova, Isola del Gran Sasso, Martinsicuro, Montorio al Vomano, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Silvi, Teramo, Torricella Sicura, Tortoreto e Tossicia.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Carciofo Violetto di Castellammare

SLOWFOOD
È conosciuto anche come “carciofo di Schito”, dal nome di una frazione di Castellammare di Stabia considerata, già in epoca ... toc

Provola delle Madonie

SLOWFOOD
Un po' più schiacciata e panciuta della cugina, la non molto lontana Provola dei Nebrodi, si produce all'interno di una delle aree più r... toc

Aglio di Vessalico

SLOWFOOD
A Vessalico, minuscolo Comune dell'Alta Valle Arroscia nell'entroterra di Albenga e, in particolare, nelle frazioni più alte e meno abitate, si... toc