Trota Reatina

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

La Trota Reatina deriva dagli esemplari di trota appartenenti alla specie Trota Iridea (Oncorhynchus mykiss), sia a carne bianca che salmonata, ed alla specie Trota Fario (Salmo (trutta) trutta). L¿allevamento della Trota Reatina avviene in aree distanti 10 km dalla sorgente e che presentano temperatura costante, compresa tra 8°C e 13°C, ossigeno disciolto 8-9 ppm e pH 7.0-8.0. Tali parametri sono importanti al fine di garantire il rispetto di tempi di crescita degli animali e mantenere elevate le caratteristiche di qualità e tipicità. Al consumo la pezzatura minima della trota è di 300 g e età compresa tra i 12 e i 26 mesi.

Rispetto alle altre province del Lazio quella di Rieti, proprio per la grande quantità delle acque presenti sotto forma di sorgenti, fiumi, torrenti, laghi è da considerarsi da un punto di vista idrografico eccezionale. Questo aspetto ha segnato profondamente nel corso dei secoli le sue caratteristiche storico geografiche. Basti pensare alla pesca e all¿acquacoltura, all¿importanza delle sorgenti del Peschiera, di S. Susanna e delle Capore. La conferma del legame prodotto-territorio è dato oltre che dai numerosi documenti di affitto dell¿impianto di troticoltura di S. Susanna di Rivodutri, anche dal fatto che nel territorio del Comune di Cittaducale frequenti sono i ritrovamenti archeologici e documentali che avvalorano l¿ipotesi dell¿esistenza di impianti pescosi, soprattutto di trota.

STATO DEL RICONOSCIMENTO:

Pubblicazione della proposta di disciplinare in GU n 102 del 4/05/2006

Zone di produzione:  Accumoli (RI), Amatrice (RI), Antrodoco (RI), Ascrea (RI), Belmonte in Sabina (RI), Borbona (RI), Borgorose (RI), Borgo Velino (RI), Cantalice (RI), Castel Sant'Angelo (RI), Castel di Tora (RI), Cittaducale (RI), Cittareale (RI), Collalto Sabino (RI), Colle di Tora (RI), Collegiove (RI), Colli sul Velino (RI), Concerviano (RI), Contigliano (RI), Fiamignano (RI), Labro (RI), Longone Sabino (RI), Leonessa (RI), Marcetelli (RI), Micigliano (RI), Morro Reatino (RI), Nespolo (RI), Paganico (RI), Petrella Salto (RI), Pescorocchiano (RI), Poggio Bustone (RI), Poggio San Lorenzo (RI), Posta (RI), Rieti (RI), Rivodutri (RI), Rocca Sinibalda (RI), Torri in Sabina (RI), Turania (RI), Varco Sabino (RI)

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

CACIOCAVALLO SILANO

DOP
Il nome Silano deriva da uno dei luoghi di produzione di questa tipologia di formaggio: gli altopiani calabresi della Sila. Il Caciocavallo Silano DOP... toc

Morlacco del Grappa e vacca Burlina

SLOWFOOD
Murlak, Murlaco, Burlacco o Morlacco erano i nomi con i quali storicamente si indicava un formaggio di latte vaccino prodotto nell’area dell&rsq... toc

Burrino farcito con soppressata

NC
Prodotto con latte intero, la lavorazione è simile a quella del burrino, solo che la massa di burro è scavata per accogliere una piccola... toc