Abbacchio Romano

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

L' Abbacchio Romano è prodotto esclusivamente da agnelli, maschi o femmine, nati e allevati allo stato semibrado, di razza Sarda e suoi incroci, Comisana e suoi incroci, Sopravissana e suoi incroci, Massese e suoi incroci, Merinizzata Italiana e suoi incroci. La tipologia di proodtto è l'agnello "da latte" (sino a 8 kg di peso morto). Le pecore matricine usufruiscono di pascoli naturali, prati-pascolo ed erbai caratteristici della Regione Lazio. Il pascolo può essere naturale e casuale, ma a volte il pastore può coltivare erbai che fa pascolare a rotazione. La carne di Abbacchio Romano, messa in commercio secondo differenti tagli (intero, mezzena, spalla e coscio, costolette, testa e coratella), presenta colore rosa chiaro e grasso di copertura bianco, tessitura fine, consistenza compatta, leggermente infiltrata di grasso, sapore delicato con aroma tipici di una carne giovane e fresca. Importante è a scarsità di grasso di copertura ed interna.

Abbacchio è il termine romanesco che indica l'agnello giovane, lattante, macellato per la vendita, che conserva, nella storia della cucina romana e laziale un ruolo fondamentale. Gli antichi romani preferivano il capretto all'agnello anche se per Giovenale il giovanissimo agnello (abbacchio) era: "il più tenero del gregge, vergine d'erba, più di latte ripieno che di sangue". Campo Vaccino, sede del mercato del bestiame, è il luogo in cui, già dal '400, si teneva il mercato degli abbacchi, degli agnelli, dei castrati e delle pecore. Il consumo era considerevole nel corso della cosiddetta "agnellatura" (macellazione dei capi da uno a sei mesi di età) che si teneva nel periodo compreso tra Pasqua e Giugno. Nell'agro romano in occasione dell'abbacchiatura e della carosa (tosatura) i pastori usavano banchettare con la "pagliatella", cioè la carne più grassa dell' intestino dell'abbacchio cotta alla brace, e la pezzata o sponsata, ossia carne di pecora tagliata a pezzi.

STATO DEL RICONOSCIMENTO:

Pubblicazione della proposta di riconoscimento in GU n. 44 del 22 febbraio 2003. Protezione Transitoria accordata a livello nazionale con D.M. del 6 novembre 2003 pubblicato in GU n. 280 del 2 dicembre 2003.

Zone di produzione:  Intera Regione Lazio

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

VITELLONE BIANCO DELL'APPENNINO CENTRALE

IGP
La carne di Vitellone Bianco dell'Appennino Centrale e' prodotta da bovini, maschi e femmine, di pura razza Chianina, Marchigiana, Romagnola, di et&ag... toc

Paletta di Coggiola

SLOWFOOD
“Il maiale va ucciso dopo le consegne per la levata del sale dalli accensatori così da aver lo sale per le olle di teracreia con dentro i... toc

MARZOLINA o MARZELLINO

NC
La produzione di questo formaggio è ormai affidata a pochissimi pastori. Il procedimento tradizionale di lavorazione vuole che il latte della s... toc