Civraxiu

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

È un pane voluminoso, di base circolare, con crosta croccante e mollica morbida, che raggiunge il peso di circa un chilo.
La sua forma è di una grossa pagnotta, per la cui confezione si utilizza farina nella quale veniva lasciata una certa quantità di crusca.
È ottimo, disposto a fette in grandi teglie, imbevuto dei sughi delle carni di maialetto o di agnello arrosto. Ma è particolarmente gradito anche quando, preparato a fette imbevute di latte e uova, viene fritto e cosparso di zucchero o sale

Nell’epoca in cui la Sardegna, sotto la denominazione romana, veniva considerata il granaio di Roma, il termine usato per definire la farina ere cibaria, radice dalla quale è derivato il nome del pane Civraxu o Civraxiu cosi denominato nel Campidano. Su Civraxiu è un pane ordinario, quotidiano, che nel Campidano viene appunto chiamato così, mentre nel Logudoro viene chiamato Chibarzu, e nel Nuorese, Chiariu.

Zone di produzione:  La regione del Campidano, pianura della Sardegna posta tra i golfi di Oristano e Cagliari e delimitata dai monti dell'Iglesiente e dalle estreme pendici del Gennargentu.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Pecorino stagionato in foglie di noce

NC
Si presenta in forme tonde a facce piane di diametro 12-16 cm, con crosta leggermente rugosa di colore beige. L’altezza dello scalzo è di... toc

Canestrato di Castel del Monte

SLOWFOOD
Sui pascoli del Gran Sasso sono state censite ben 300 essenze foraggere, contro le 20, 30 delle Alpi. Questa eccezionale varietà e il clima sec... toc

Soppressata di Gioi

SLOWFOOD
Nel Compendio di agricoltura pratica edito nel 1835 si parla diffusamente della soppressata di Gioi: si sottolinea l'antichità di questa produz... toc