Biancospino

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Il Biancospino si prepara con del latte intero di capra, con l'aggiunta di fermenti lattici, del caglio di vitello, e del pennicillium candidum, sale. Dopo poche settimane di maturazione a temperature particolari, la superficie si copre di un candido e vellutato feltro di pennicillium candidum: un fungo microscopico che conferisce al formaggio un gusto intenso e saporito. La stagionatura varia dai 2 ai 30 giorni.
L’aroma e dal sapore sono gradevoli e delicati già dopo appena 2 giorni dalla fabbricazione.
La pasta si presenta bianchissima, soffice e cremosa.

Il Biancospino viene usato prevalentemente da tavola. Se freschissimo è adatto ad essere consumato al naturale. A maturazione compiuta può essere gustato ancora al naturale o dopo un rapido passaggio al forno o alla griglia ben caldi.

Zone di produzione:  L'intera regione

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Riso Nano Vialone Veronese

IGP
Il Riso Nano Vialone Veronese si riferisce soltanto a riso ottenuto da semi rigorosamente selezionati della specie japonica della varietà Vialo... toc

Vino Santo Trentino

SLOWFOOD
Già nel secolo XVII un cronista del Concilio di Trento definisce i vini di Castel Toblino «rari, amabili e pettorali». I conti Wolk... toc

Pancetta di Calabria

DOP
La Pancetta di Calabria ha forma rettangolare, il colore della parte esterna è rosso, marcato dalla presenza di polvere di peperoncino; l&rsquo... toc