Montanello

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Il montanello è una caciotta fresca di latte vaccino di sapore dolce e delicato e di colore giallo paglierino. La pasta ha consistenza medio morbida, e presenta esternamente una crosta fine e liscia. Le pezzature vanno da 1,3 a 1,5 kg.

Il latte vaccino viene termizzato a 68°C in caldaia e in questa stessa fatto maturare (riposo) per circa 40 minuti. Quindi, si aggiunge il caglio per la formazione della cagliata e, dopo la rottura di quest’ultima, il formaggio viene manualmente distribuito negli stampi. Le forme negli stampi vengono messe a sgocciolare e successivamente salate. La stagionatura ha luogo in un locale tradizionale fresco ed aerato, su assi di legno di pioppo.

La tradizionalità del montanello è legata alla particolare qualità del latte che proviene da bovini allevati allo stato semibrado, sui pascoli ad alte quote che conferiscono particolari caratteristiche organolettiche al latte. A rendere tipico questo formaggio contribuiscono il tradizionale processo di trasformazione e la stagionatura su assi di legno di pioppo, in parte responsabili del gusto particolare di questa caciotta. Si consuma con la polenta o grigliato. Gli abbinamenti più caratteristici, comunque, sono con le pere, con pane toscano, con tipici salumi toscani e con vini rossi locali.

La stessa azienda che produce il brusco è produttrice anche di montanello, e si trova nella frazione del Melo a Cutigliano.La quantità prodotta è di circa 100 quintali all’anno, supera quella del brusco di circa 70 quintali. La potenzialità produttiva dell’azienda per questo prodotto è di circa 150 quintali. La vendita avviene prevalentemente nella provincia di Pistoia direttamente a privati o alle coop locali, solo una parte della produzione complessiva viene venduta nel resto della regione e all’estero.Sono molte le iniziative legate alla promozione del montanello: ha partecipato lo scorso anno al "Sana" di Bologna ed è stato presentato nel corso della trasmissione di "Sereno variabile"; il 25 aprile a Cutigliano è protagonista insieme al brusco di una manifestazione paesana e in agosto partecipa alla "Sagra di Mezza estate". Nella frazione del Melo si svolge ogni anno la "Festa dei pastori".

Zone di produzione:  Si produce in provincia di Pistoia, nel comune di Cutigliano.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Radicchio variegato di Castelfranco

IGP
Il Radicchio Variegato di Castelfranco ha un cespo bello di forma e splendido di colori. Le foglie centrali non si chiudono a palla, ma rimangono in p... toc

Giuncata dei Monti Reatini

SLOWFOOD
La giuncata dei Monte Reatini ├Ę un formaggio freschissimo e delicato. Pu├▓ essere di vacca, di pecora, di capra o, pi├╣ spesso, a base di latti diver... toc

Albicocca tigrata - Miscimìn tigrato

NC
Giorgio Gallesio nella sua "Pomona italiana" indica il termine "missimin" come sinonimo dialettale per la cultivar Alessandrina Lu... toc