Agrumi ornamentali della Toscana

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

La storia degli agrumi in Toscana ha il suo maggior splendore nel Rinascimento quando nei giardini medicei le spalliere dei melangoli e le conche dei limoni costituivano l'elemento decorativo per eccellenza. Nella seconda metà del '500, Cosimo I ingrandì la Villa di Castello, nelle colline fiorentine, e fece realizzare il giardino annesso nel quale fu ospitata la più vasta collezione di agrumi tra tutte le proprietà medicee. Il culmine della ricerca e collezione di agrumi si ha con Cosimo III (1642-1723) il quale commissionò a Bartolomeo Bimbi, quattro tele che rappresentano una testimonianza artistica della collezione medicea di agrumi che si era andata costituendo a partire da Cosimo I. Nell'Ottocento il prof. Gaetano Savi mise in risalto l'esistenza di una storica tradizione toscana nella coltura degli agrumi; altri autori come il dott. Vincenzo Chiarugi, membro ordinario dell'Accademia dei Georgofili fin dal 1792, e Antonio Targioni Tozzetti evidenziarono nei loro studi come le piante di limoni fossero un elemento ornamentale di notevole importanza in Toscana.
L'I.G.P. "Agrumi ornamentali della Toscana" è attribuita alle piante, appartenenti alla famiglia delle Aurantioideae e loro ibridi, innestate su portainnesti di specie appartenenti alla suddetta famiglia e loro ibridi.
Le forme di allevamento previste sono: "libera"; "vaso con tutori o alla lucchese"; "spalliera"; "mezzo fusto e alberello". Le tecniche di produzione seguono le modalità utilizzate tradizionalmente nel territorio. I portainnesti possono essere prodotti a partire dal seme o mediante il ricorso alla propagazione agamica; le modalità di innesto usate per gli "Agrumi ornamentali della Toscana" IGP sono a penna, per approssimazione e a occhio. Il materiale vegetale ("marze") viene prelevato da piante madri in ottime condizioni vegetative e fitosanitarie, periodicamente controllate per verificare l'assenza del virus della tristezza degli agrumi.
Fonte: dr. Vito Tumino

Comitato promotore per il riconoscimento dell' IGP Agrumi ornamentali della Toscana

Via Libero Andreotti, 7
51017 - Pescia (PT)
Tel: 3397787677 , 0572489191

Zone di produzione:  La zona di produzione della I.G.P. "Agrumi ornamentali della Toscana" comprende, per la provincia di Pistoia, l'intero territorio amministrativo dei seguenti Comuni: Buggiano, Chiesina Uzzanese, Pescia, Ponte Buggianese e Uzzano; per la provincia di Lucca, l'intero territorio del Comune di Montecarlo.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Formaggi caprini della Maremma

NC
Si tratta di formaggi di capra freschi aromatizzati in vario modo: al carbone, al pepe, al peperoncino, all’erba cipollina, all’aglio, al ... toc

Fico secco di Carmignano

SLOWFOOD
Gli alberi di fico, presenti da sempre a Carmignano, non sono mai stati oggetto di coltivazione specifica, ma sistemati nelle zone marginali del poder... toc

Cucina dei goym nelle città del tufo

SLOWFOOD
Lo sfratto è un biscotto a forma di sigaro (lungo 20, 30 centimetri e dal diametro di tre centimetri), con un ripieno di noci tritate, miele, s... toc