Olio extravergine di oliva Val di Mazara

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

L'olio extravergine di oliva Val di Mazara ha un'acidità massima dello 0,50%, un colore giallo dorato intenso con note verdoline, un odore di fruttato, talvolta con sentori di mandorla, un sapore fruttato, vellutato, con retrogusto dolce. Deve essere ottenuta dalle seguenti varietà di olivo presenti per almeno il 90%: Biancolilla, Nocellara del Belice, Cerasuola. Possono, altresì, concorrere in misura non superiore al 10% altre varietà presenti nella zona come "Ogliarola Messinese", "Giaraffa" e "Santagatese". Ai fini della commercializzazione i recipienti devono essere in vetro o in banda stagnata con capacità non superiore a 5 litri. Sull'etichetta devono figurare il nome della denominazione di origine controllata "Val di Mazara" e l'anno della campagna oleicola di produzione delle olive da cui l'olio è ottenuto.

CONSORZIO VOLONTARIO PER LA TUTELA DELL' OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA D.O.P. "
VAL DI MAZARA"


Tel. 091/309978
info@dopvaldimazara.it
http://www.dopvaldimazara.it

Zone di produzione:  Tutta la provincia di Palermo e numerosi comuni in provincia di Agrigento: Alessandria della Rocca, Bivona, Burgio, Calamonaci, Caltabellotta, Cattolica Eraclea, Cianciana, Lucca Sicula, Menfi, Montallegro, Montevago, Ribera, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita del Belice, Sciacca, Villafranca Sicula.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

CASOLET DELLA VAL DI SOLE

NC
Gli abitanti di alcuni paesi di queste valli come Celentino venivano chiamati casoletti. Il nome ha un'origine latina: deriva da "caseolus"... toc

Salame cotto e crudo di Sassello

NC
Siccome del maiale non si buttava via nulla, un tempo nel salame cotto di Sassello, così come nella mostardella genovese, andavano a finire i r... toc

Fagiolo zolfino

SLOWFOOD
Pare sia stato Carlo V a introdurre i fagioli in Toscana, dopo la scoperta del Nuovo Mondo, donandoli a papa Clemente VII, al secolo Giulio de' Medici... toc