Paletta di Coggiola

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

“Il maiale va ucciso dopo le consegne per la levata del sale dalli accensatori così da aver lo sale per le olle di teracreia con dentro i persucci della paletta”. È questa la prima citazione, scritta a mano con penna d’oca, del “persucc d’la paletta”, risalente addirittura al 1774. Si tratta di un documento sabaudo, una “Istruzione camerale” in cui si davano indicazioni ai gabellieri sulla distribuzione del sale. L’autore è un coggiolese.
A quel tempo, e ancora fino a qualche decennio fa, era il masaular - così si chiamava nel diletto della Valsessera l’uomo che macellava il maiale casa per casa -che faceva le palette. Preparava salsicce, pancette, salami e prosciutti. Quelli di coscia erano destinati ai prelati e ai notabili; per i meno abbienti, invece, usava preparare un particolare prosciutto di spalla, la paletta appunto. Il nome richiama la forma dell’osso di spalla, tagliato in senso longitudinale. Ora, come secoli fa, la tecnica è artigianale e la lavorazione totalmente manuale. La parte superiore della spalla è sgrassata e divisa in due pezzi simmetrici. I tagli sono quindi posti in salamoia, per un periodo variabile tra i quindici e i trenta giorni, durante i quali sono regolarmente girati e massaggiati. Quando hanno assorbito abbastanza sale, e qui è fondamentale l’esperienza del salumaio, si passa alla concia con un miscuglio segreto di erbe locali e pepe nero spezzato. Le palette sono quindi insaccate in budello naturale, la vescica di norma, e il budello è punzecchiato ripetutamente per consentire la fuoriuscita della salamoia trattenuta. Si passa quindi alla legatura, effettuata con un semplice spago non candeggiato: la vescica deve aderire in modo uniforme alla paletta, proteggendola in tal modo dall’attacco di agenti esterni e trattenendo gli aromi della concia. A questo punto i salumi vengono appesi in un locale non condizionato, all’aria di Coggiola, con temperature che possono variare dai 10 ai 16 gradi. Dopo venti giorni di maturazione sono pronti per essere consumati, bolliti a lungo in abbondante acqua non salata.
Nel secondo dopoguerra, tra Coggiola e i comuni confinanti era presente almeno una dozzina di salumieri, attivi nella produzione della specialità di valle. Oggi, nel centro storico, sono rimasti due produttori a realizzare i piccoli prosciutti secondo la ricetta tradizionale che prevede una miscela speciale di spezie locali e la maturazione in locali non termocondizionati.

La tradizione della valle accompagna la paletta fumante a un bel piatto di polenta o a delle semplici patate bollite, ma si può consumare anche cruda, accompagnata da mostarda dolce di mele biellesi: in questo caso, però, la stagionatura deve protrarsi per almeno quattro mesi, durante i quali il budello viene mantenuto umido e morbido, per evitare che la carne asciughi troppo.

Presidio sostenuto da
Comune di Coggiola

Responsabili del Presidio
Giancarlo Foglia Barbisin, tel. +39 015 78512 - coggiola.sindaco@tin.it

Zone di produzione:  Comune di Coggiola (provincia di Biella).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Pecorino Siciliano

DOP
Il Pecorino Siciliano è un formaggio di latte di pecora intero a pasta dura, cruda, ha forma cilindrica, facce piane o leggermente concave. La ... toc

Suzu

NC
Tecnologia di preparazione: le carni suine e bovine di seconda scelta vengono bollite, condite, disossate e pressate. Si consuma subito ma si pu&ograv... toc

Olio extravergine di oliva Terra d'Otranto

DOP
L’olio extravergine di oliva Terre d’Otranto presenta un’acidità massima dello 0,80%, un colore verde intenso con eleganti to... toc