Capocollo di Martina Franca

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Da sempre in Puglia si sa che i migliori insaccati arrivano da Martina Franca, al punto che un tempo, nel Tarantino o nel Salento, al momento della macellazione del maiale si ricorreva a manodopera martinese. In questa bella cittadina dell'Itria esistono alcune specialità norcine che hanno conservato tecniche tradizionali e che, per quanto possibile, utilizzano materia prima allevata in loco. Tra queste la più celebre è sicuramente il capocollo o capicollo, il nome con cui in meridione si chiama la coppa o lonza, cioè quella parte del maiale che sta tra collo e costata. I capocolli, opportunamente mondati e sagomati, sono posti a macerare sotto sale per 15-20 giorni, poi si estraggono e si lavano con una preparazione a base di vino cotto e spezie. Si insaccano nel budello di maiale e si asciugano: prima si avvolgono in panni, poi si sistemano su assi dove riposano per una decina di giorni. Quando sono perfettamente asciutti vengono affumicati. La tecnica tradizionale prevedeva di ricoprire il pavimento con rametti di timo, mortella, alloro (piante molto diffuse nei circa 15 mila ettari di bosco e macchia mediterranea della zona) a cui si appiccava il fuoco, badando che bruciassero senza fiamma. Oggi si procede bruciando in appositi camini le essenze e la corteccia di quercia di fragno (Quercus Trojana). Con questo sistema si è perso qualcosa in aromi, ma si ottengono risultati più controllabili. Dopo l'affumicatura inizia la fase di stagionatura, che può arrivare anche a 90 giorni.

Il capocollo di Martina Franca è stato pensato per resistere alle condizioni climatiche della zona di origine, inadatte - teoricamente - alla produzione norcina. Da questo saper fare antico è nata la pratica della leggera affumicatura, e della lunga marinatura in salamoia e della concia con vino cotto: procedimenti utili per conservare integro e sano il salume. E che gli conferiscono una notevole ricchezza organolettica.
Ha un bel colore rosso vinoso, sentori leggermente minerali al naso, uniti al forte impatto delle spezie. In bocca è morbido, fragrante e ritorna la sensazione acido-aromatica del vino, ben sostenuta dalla qualità della carne.

Presidio sostenuto da
Coop, Comune di Martina Franca, Consorzio Operatori Turistici ed Enogastronomici Terrae Maris
Responsabili del Presidio
Michele Bruno, tel. 392 7466740
Angelo Costantini, tel. 333 7403370 - CostantiniAngelo@libero.it

Zone di produzione:  Valle d'Itria: comuni di Martina Franca (provincia di Taranto), Cisternino (provincia di Brindisi), Locorotondo (provincia di Bari).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Marrone di San Zeno

DOP
Il marrone di San Zeno ha pezzatura variabile, una forma elissoidale con apice poco rilevato, facce laterali in prevalenza convesse, anche se caratter... toc

Fiore Sardo

DOP
Il Fiore Sardo è un formaggio di latte intero di pecora, a pasta dura, cruda, di stagionatura variabile in relazione all’utilizzo (da tav... toc

Tome di pecora Brigasca

SLOWFOOD
Brigasca deriva da La Brigue, paese francese della val Roya noto per essere stato nei secoli passati il più importante centro di pastorizia di ... toc