Aglio Rosso di Nùbia

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Il nome deriva da una piccola contrada di Paceco (Trapani) - la zona della sua coltivazione storica - e dal colore. L'area di produzione comprende il comune di Paceco, parte del comune di Trapani, Erice, la zona settentrionale di Marsala e Salemi: in tutto circa 3000 ettari. Ma attualmente se ne coltivano circa 250, generalmente in asciutta, in terreni scuri e argillosi e in rotazione con il melone, le fave e il grano duro. Si semina tra novembre e dicembre (a volte anche in gennaio) e si raccoglie fresco nel mese di maggio, oppure a giugno, essiccato in parte sui campi. La raccolta va effettuata la sera - nelle giornate più calde occorre attendere addirittura il calare della notte - perché le foglie, essendo più umide, consentono il lavoro manuale di intreccio dei bulbi.
L'aglio Rosso di Nùbia ha un bulbo costituito mediamente da dodici bulbilli, le tuniche esterne bianche e quelle interne di colore rosso vivo. Secondo la tradizione viene confezionato in trecce molto grandi (di cento teste ciascuna) e appeso ai balconi oppure sistemato in cantine o magazzini. A seconda del diametro del bulbo, la trizza si chiama cucchia rossa (50 mm), corrente (40 mm), cucchiscedda (30 mm) o mazzunedda (20-25 mm).
Da qualche anno, per andare incontro alle esigenze del mercato, si producono trizze con una sola treccia e un numero inferiore di bulbi (da 10 a 50).
Il Presidio ha riunito i produttori (tutti molto piccoli) sulla base di un disciplinare di produzione comune e di un marchio che garantisca provenienza e qualità dell'aglio.

Il sapore dell'aglio Rosso di Nùbia è particolarmente intenso, grazie al suo contenuto di allicina, nettamente superiore alla media (sono stati fatti confronti dalla Facoltà di Agraria di Palermo con le principali varietà nazionali).
Nella cucina trapanese è ingrediente cardine di alcune delle preparazioni tipiche più importanti. In primo luogo la pasta con il pesto alla trapanese (a base di aglio pestato, basilico, mandorle, pomodoro, olio extravergine, sale e pepe), piatto povero che, in dialetto, si chiama appunto pasta cull'àgghia, cioè all'aglio. E quindi il celebre cuscus di pesce.

Presidio sostenuto da
Regione Siciliana Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, Banca di Credito Cooperativo Senatore P. Grammatico
Responsabili del Presidio
Franco Saccà
, tel. 0923 559490 francosac@libero.it
Filippo Salerno, tel. 0923 873844 - 347 6673002 - filipposalerno@trapaniweb.it

Zone di produzione:  Comuni di Paceco, Trapani, Erice, parte del territorio di Marsala e di Salemi (provincia di Trapani).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Montasio

DOP
Il Montasio è un formaggio a pasta dura, cotta, prodotto esclusivamente con latte di vacca, di media e lunga stagionatura, di forma cilindrica ... toc

Olio extravergine di oliva Seggiano

NC
Le prime notizie storiche sull'uso del vocabolo geografico "Seggiano" sono contenute in un documento (riportato dall'Abate Fatteschi) in cui... toc

Oliva minuta

SLOWFOOD
Il massiccio dei Nebrodi è il grande cuore verde della Sicilia: oltre 50 mila ettari di boschi localizzati nella parte nord orientale della Sic... toc