Aglio Rosso di Nùbia

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Il nome deriva da una piccola contrada di Paceco (Trapani) - la zona della sua coltivazione storica - e dal colore. L'area di produzione comprende il comune di Paceco, parte del comune di Trapani, Erice, la zona settentrionale di Marsala e Salemi: in tutto circa 3000 ettari. Ma attualmente se ne coltivano circa 250, generalmente in asciutta, in terreni scuri e argillosi e in rotazione con il melone, le fave e il grano duro. Si semina tra novembre e dicembre (a volte anche in gennaio) e si raccoglie fresco nel mese di maggio, oppure a giugno, essiccato in parte sui campi. La raccolta va effettuata la sera - nelle giornate più calde occorre attendere addirittura il calare della notte - perché le foglie, essendo più umide, consentono il lavoro manuale di intreccio dei bulbi.
L'aglio Rosso di Nùbia ha un bulbo costituito mediamente da dodici bulbilli, le tuniche esterne bianche e quelle interne di colore rosso vivo. Secondo la tradizione viene confezionato in trecce molto grandi (di cento teste ciascuna) e appeso ai balconi oppure sistemato in cantine o magazzini. A seconda del diametro del bulbo, la trizza si chiama cucchia rossa (50 mm), corrente (40 mm), cucchiscedda (30 mm) o mazzunedda (20-25 mm).
Da qualche anno, per andare incontro alle esigenze del mercato, si producono trizze con una sola treccia e un numero inferiore di bulbi (da 10 a 50).
Il Presidio ha riunito i produttori (tutti molto piccoli) sulla base di un disciplinare di produzione comune e di un marchio che garantisca provenienza e qualità dell'aglio.

Il sapore dell'aglio Rosso di Nùbia è particolarmente intenso, grazie al suo contenuto di allicina, nettamente superiore alla media (sono stati fatti confronti dalla Facoltà di Agraria di Palermo con le principali varietà nazionali).
Nella cucina trapanese è ingrediente cardine di alcune delle preparazioni tipiche più importanti. In primo luogo la pasta con il pesto alla trapanese (a base di aglio pestato, basilico, mandorle, pomodoro, olio extravergine, sale e pepe), piatto povero che, in dialetto, si chiama appunto pasta cull'àgghia, cioè all'aglio. E quindi il celebre cuscus di pesce.

Presidio sostenuto da
Regione Siciliana Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, Banca di Credito Cooperativo Senatore P. Grammatico
Responsabili del Presidio
Franco Saccà
, tel. 0923 559490 francosac@libero.it
Filippo Salerno, tel. 0923 873844 - 347 6673002 - filipposalerno@trapaniweb.it

Zone di produzione:  Comuni di Paceco, Trapani, Erice, parte del territorio di Marsala e di Salemi (provincia di Trapani).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Olio extravergine di oliva Colli Aretini

NC
L'olivicoltura aretina, rispetto ad altre zone della Toscana, ha avuto un ritardo nello sviluppo ed è grazie ai monaci aretini che inizia la su... toc

Anguilla marinata tradizionale delle Valli di Comacchio

SLOWFOOD
Racchiuse tra il Po, il Reno e l’Adriatico, le Valli di Comacchio sono una zona umida importantissima dal punto di vista ecologico, ma anche un ... toc

Saras del fen

SLOWFOOD
Il pentolone fuma e borbotta. Per lungo tempo sembra non succedere nulla, poi a un tratto comincia ad affiorare alla superficie del liquido biancastro... toc