Pesca Regina di Londa

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Le pesche, in Toscana, hanno una storia antica: il merito della loro coltivazione e diffusione si deve alla casata dei Medici i quali, nel XVI secolo, le introdussero nei “pomari” delle ville gentilizie toscane. In particolare nel Mugello, la famiglia dei Medici, e lo stesso Lorenzo il Magnifico, lasciarono segni molteplici del loro potere non solo negli edifici (tra i tanti la Villa di Cafaggiolo a Barberino, il Castello del Trebbio a San Piero a Sieve, il Palazzo dei Vicari a Scarperia) ma anche nell'agricoltura, nell’impostazione geometrica dei campi e dei boschi, nella canalizzazione razionale delle acque. E forse non a caso proprio qui, nel Mugello e Val di Sieve, si sono conservate cultivar storiche di pesca. Le prime informazioni sulla pesca Regina di Londa risalgono alla metà del secolo scorso, quando un appassionato coltivatore di Londa, Alfredo Leoni, portò alla ribalta questa cultivar di qualità pregiata scoperta casualmente: la migliore tra le pesche a polpa bianca presenti sul mercato fiorentino a settembre inoltrato.
La coltivano ancora alcuni frutticoltori sui versanti soleggiati esposti a sud, a mezza costa, riparati dal vento di tramontana, a un’altitudine tra i 100 e i 700 metri sul livello del mare. Come tutte le varietà tardive, cresce benissimo in località poco umide nelle ore notturne.
L’Appennino toscano, in questa zona particolarmente asciutto e arieggiato, è un terreno di coltivazione ideale: totalmente incontaminato, permette coltivazioni biologiche e a produzione integrata. Il comune più interessato alle coltivazioni è Londa, dal quale ha preso il nome. Ogni anno, a metà settembre, qui si tiene una sagra in cui viene premiata con la “Pesca d’argento” la migliore cassetta di “Regine”.
Nonostante la coltivazione delle pesche tardive abbia evitato lo spopolamento delle campagne della Val di Sieve e del Mugello fiorentino, gran parte dei produttori, in anni più recenti, ha abbandonato queste varietà. Le pesche tardive sono coltivazioni impegnative e anche “rischiose”. Un’estate meno calda influisce negativamente su un raccolto tardivo e, considerato che la pesca Regina di Londa mantiene le sue caratteristiche di eccellenza organolettica per circa una settimana dopo il raccolto, per ogni albero occorre fare almeno cinque passaggi.
Oggi se ne coltivano appena mille quintali l’anno e la vendita è limitata ai mercati locali, nei paesi di Tavarnelle, Scarperia, Vicchio e Dicomano.
Il Presidio sostiene e valorizza il lavoro degli ultimi coltivatori rimasti nella zona di origine. Per preservare la pesca Regina di Londa è nata un’associazione di piccoli frutticoltori, che si sono dati un disciplinare di coltivazione rigoroso.

Le Regine di Londa sono profumatissime, grandi e rotonde, leggermente schiacciata ai poli. La buccia è di colore bianco-verde chiaro, con marezzature rosso intenso. La polpa - bianco crema con venature rosso vivo in prossimità del nocciolo - è soda, dolcissima e aromatica. E’ ottima appena colta, entro gli ultimi quindici giorni di settembre. Per prolungare il sapore e i profumi delle Regine anche nei mesi successivi, i produttori del Presidio hanno avviato la trasformazione delle pesche in confetture e sotto sciroppo.

Presidio sostenuto da
Comunità
Montana Montagna Fiorentina, Gal Start
Responsabili del Presidio
Luigi Pittalis, tel. 348 2259101 - luigi.pittalis@libero.it
Tullia Benfenati, tel. 055 8396627 - paf@cm-montagnafiorentina.fi.it

Zone di produzione:  Valle del torrente Moscia e dei suoi affluenti, nei comuni di Londa e Dicomano (provincia di Firenze)

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Fava di Carpino

SLOWFOOD
I terreni calcarei e argillosi di Carpino sono perfetti per la coltivazione delle fave. E non a caso proprio qui, da sempre, si coltiva una delle vari... toc

Lenticchia di Santo Stefano di Sessanio

SLOWFOOD
È piccola e molto saporita: una minuscola lenticchia di pochi millimetri di diametro, globosa e di colore scuro, marrone-violaceo. Cresce oltre... toc

Liquore al bergamotto

NC
Questo piccolo agrume viene coltivato esclusivamente in queste zone. Le varietà che vengono coltivate sono la “femminella” e la &ld... toc