Pesche tardive di Leonforte

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Siamo nella terra degli agrumi e dei mandorli, degli olivi e dei fichidindia, ma a Leonforte si coltivano pesche. Proprio qui, in questo strano paese poco più a nord di Enna, ogni anno, a giugno, si rinnova una piccola follia: i contadini, armati di sacchetti di carta pergamenata, chiudono a mano, una a una sull'albero, le pesche ancora verdi. Un lavoro certosino per soli uomini, che viene pagato a cottimo (in un giorno i più veloci ne insacchettano più di 2000).
Le pesche di Leonforte maturano a settembre, ottobre, addirittura a novembre. Chiuse nei loro pacchettini sono protette dai parassiti e dal vento e possono rimanere fino all'ultimo sull'albero per essere raccolte solo quando sono perfettamente mature. La coltivazione è laboriosa e delicatissima: dall'insacchettatura alla raccolta, quando i frutti sono staccati con una lieve rotazione del picciolo (guai a strapparli).
Mentre nel resto dell'Italia le vecchie pesche sono state soppiantate già all'inizio del Novecento dall'introduzione massiccia di novità americane e, ormai, ogni annata ha le sue “pesche di moda” - sempre più grandi, gialle e belle, ma sempre più insapori - a Leonforte sopravvivono tante antiche varietà locali. E se le arance - anche quelle pregiate e un tempo apprezzate nel mondo, come la Bionda e la Belladonna - rimangono sugli alberi perché sul mercato non valgono più nulla, i pescheti sono la nuova speranza del paese.
Queste pesche assolutamente sane (il sacchetto permette di evitare qualsiasi trattamento con antiparassitari sulle piante), buone e sconosciute al di fuori dei confini siciliani, potrebbero diventare una risorsa importante per la rinascita di una cittadina che, quattro o cinque secoli fa, è stata uno dei centri più dinamici della Sicilia: per questo è nato il Presidio.

I frutti non sono molto appariscenti; maturando tardi e nel sacchetto, diventano al massimo giallo intenso con leggere striature rosse, ma sono sempre profumatissimi, con una polpa gialla, soda, dolce e un gusto particolare, che ricorda vagamente la canditura.
Ottime da tavola, le pesche di Leonforte, grazie all'intensa aromaticità, sono straordinarie sciroppate oppure trasformate in succhi e marmellate.

Presidio sostenuto da
Regione Siciliana Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste
Responsabili del Presidio
Pippo Privitera, tel. 335 8455507 - pippopri@tin.it
Salvatore Manna, tel. 0935 904655 - 328 4206055 - soat48@regione.sicilia.it

Zone di produzione:  Comuni di Leonforte, Assoro, Nissoria, Enna, Calascibetta (provincia di Enna).

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

MOZZARELLA

STG
La mozzarella di tipologia tradizionale è un tipo di formaggio: fresco a pasta filata, molle. Viene impiegato latte vaccino e caglio bovino l... toc

Tuma di pecora delle Langhe

SLOWFOOD
Un tempo, nelle cascine dell’Alta Langa, si allevava sempre un piccolo gregge di qualche decina di pecore. Con il latte ovino (ed eventualmente ... toc

Nocciola del Piemonte

IGP
La Nocciola del Piemonte ha una forma sferoidale e una grandezza dai 17 ai 21 millimetri; il guscio è di medio spessore, di color nocciola chia... toc