Ragusano

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

Si potrebbe definire il lingotto degli Iblei, per la forma parallelepipeda e la crosta intensamente dorata a stagionatura avanzata: il casaro deve avere una grande forza fisica e contemporaneamente un tocco da orafo per modellarlo. La fase finale della filatura - detta chiusura - deve trasformare la pasta in una sfera perfetta che non presenti alcuna spaccatura. Il passaggio da sfera a parellelepipedo si ottiene grazie all'ausilio della mastredda, un tavolo in legno su cui il formaggio viene adagiato e modellato con l'aiuto di pesanti pezzi di legno. E per la corretta cura degli angoli e dei lati arrotondati della forma, il casaro è costretto a a girare la forma ogni 10, 30, 60 minuti per 6-8 ore.
Il Ragusano nasce dalla pasta filata, come le mozzarelle e i caciocavalli, matura appeso al soffitto delle cantine più fresche e, dopo qualche mese, diventa dorato e sprigiona profumi di macchia mediterranea e di zagare.
Ma è figlio di un sistema fragile: le vacche Modicane rischiano l'estinzione, le masserie stanno perdendo il ruolo centrale che avevano un tempo, il consumo è perlopiù locale.
Tutti i tentativi di produrlo nei grandi caseifici, con tecnologia moderna, hanno dato scarsi risultati: non si è mai riusciti a riprodurre la qualità e l'unicità del formaggio di masseria. Unicità che si coglie già alla vista: è un blocco di formaggio dalla forma inusuale, di notevole peso (dai 12 ai 16 chilogrammi), che porta evidenti i segni delle corde con cui viene legato e appeso al soffitto per stagionare.
Si produce esclusivamente nella stagione foraggera, da novembre a maggio, mesi in cui i pascoli iblei offrono più di cento varietà di essenze.
Il latte intero e crudo di due mungiture è riscaldato a 36°C e aggiunto di caglio in pasta di agnello o di capretto. Quando la ruotula (una specie di bastone) immersa nella massa sta ritta, si procede alla rottura sino a ottenere grani come chicchi di mais. La cagliata matura su una tavola di legno, poi viene scottata in acqua calda o siero bollente e matura altre 20-24 ore. Quando raggiunge il pH ottimale, è nuovamente affettata, collocata nello staccio di legno o di rame e sbollentata con acqua caldissima (85°C).
Con le mani o con un bastone si impasta la massa che inizia a filare e le si dà la forma di una sfera. Questa palla è modellata a mano con due tavolette, finché raggiunge la classica forma di parallelepipedo a sezione quadrata. Il Presidio è nato per salvare questo patrimonio non solo gastronomico ma anche ambientale, storico e produttivo.

Il Ragusano ha crosta dura, sottile, liscia, compatta, di colore giallo dorato. La pasta, appena sfogliata per la filatura, ha un colore giallo paglierino. In bocca, se c'è un buon equilibrio sale-piccante, si possono cogliere sensazioni complesse. Le ricerche del Corfilac hanno evidenziato la ricchezza delle componenti aromatiche del formaggio - che vanno dai funghi freschi al tostato, dall'arancia all'erba appena tagliata - e la presenza di note floreali tipiche degli Iblei, come la calendula, l'anthemis, la malva silvestris, il geranio, il gelsomino. La qualità di questo formaggio è tale che la complessità di sapori e di profumi aumenta con il passare del tempo: il miglior Ragusano ha dagli otto ai ventiquattro mesi.
Se è molto stagionato, accompagnatelo con un Moscato di Siracusa o di Noto oppure con un passito di Pantelleria; se è giovane, scegliete un rosso siciliano di medio corpo.

Presidio sostenuto da
Regione Siciliana Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, Corfilac
Responsabili del Presidio
Giuseppe Licitra, Ivana Piccitto (Corfilac), tel. 0932 660414

Zone di produzione:  Tutti i comuni della provincia di Ragusa e alcuni comuni della provincia di Siracusa.

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Olio extravergine d'oliva Riviera Ligure - Riviera del Levante

DOP
Derivante da varietà di olivi autoctoni quest'olio è caratterizzato dal presentare un elevato contenuto in acido oleico (maggiore del 70... toc

Moleche

SLOWFOOD
Il granchio verde (carcinus aestuarii) è la specie di granchio più diffusa nel Mediterraneo; infatti, è conosciuto in Italia anch... toc

CACIOCAVALLO SILANO

DOP
Il nome Silano deriva da uno dei luoghi di produzione di questa tipologia di formaggio: gli altopiani calabresi della Sila. Il Caciocavallo Silano DOP... toc