Copuleta di Ozieri

Caratteristiche e dettagli

Vuoi conoscere tutti i migliori prodotti di questa regione? Clicca qui!

La produzione delle copuletas è legata tradizionalmente alle ricorrenze importanti e alle feste religiose di Ozieri, una cittadina a circa cinquanta chilometri da Sassari che dimostra nelle fastose facciate dei palazzi nobiliari e nelle tipiche altane a loggiati i segni più evidenti della contaminazione spagnola. Un’influenza che ritroviamo anche nella gastronomia del luogo, che vanta pratiche e specialità, evidentemente legate ad un passato florido e animato. Le copuletas in passato si consumavano nel giorno della festa patronale, oppure in occasione di battesimi e matrimoni, oggi invece sono diffuse in ogni periodo dell’anno . Un tempo venivano preparate in tutte le famiglie. Come molti dolci sardi, sontuosi e di complessa preparazione, sono a rischio di estinzione perché le ricette originali, tramandate di madre in figlia, difficilmente si adattano ai tempi e alle esigenze di omologazione dei laboratori moderni di pasticceria. Un pasticcere e due aziende dolciarie di Ozieri, riuniti in un Presidio, le realizzano ancora. Le copuletas richiedono una notevole dose di pazienza e una grande manualità. Si parte da un impasto di farina, strutto, acqua e sale, che viene lavorato fino a ottenere una consistenza omogenea. Si stende quindi una sfoglia sottilissima, da cui si ricavano alcuni dischi con cui si foderano formine di acciaio a bordi bassi, di forma ovale o rotonda, che sono poi riempiti con un composto a base di pan di Spagna, scorza di limone grattugiata, mandorle tostate e tritate finemente e, volendo, una spruzzata di liquore. Le copuletas sono quindi cotte in forno per un quarto d’ora a 200°C, sigillate con un velo di glassa e lasciate raffreddare per un paio d’ore, presentandosi poi compatte ma straordinariamente delicate e morbide allo stesso tempo. Questa preparazione si distingue da altre simili reperibili in diverse zone dell’isola per la presenza nel ripieno delle mandorle, che sostituiscono la sapa – in sardo saba – più comunemente usata.

Le copuletas devono essere consumate freschissime e sono, perciò, difficilmente reperibili al di fuori dei confini di Ozieri, città forse più nota per la spianata (detta anche pane fine, un disco di pane sottilissimo e morbido) e per i sospiri, dolcetti a base di pasta di mandorle noti ormai su tutto il mercato nazionale. Ozieri si trova nel centro della Sardegna settentrionale, un'area agricola dove in passato si coltivavano in abbondanza mandorli e limoni. L'obiettivo del Presidio è ricostruire una filiera locale e produrre le copuletas con materie prime sarde: mandorle, limoni, farine da grani autoctoni coltivati sull'isola. La difficoltà maggiore da superare non è tanto il reperimento delle mandorle sarde quando trovare un trasformatore in grado di sgusciare le mandorle e fornirle ai pasticceri pronte per l'impiego. Non esiste ad oggi in tutta la Sardegna uno sgusciatore e tutti i pasticceri si forniscono sul continente, in particolare a Bari.

Presidio sostenuto da
Comune di Ozieri
Responsabile del Presidio
Fabrizia Fiori, tel. +39 328 2514279 - slowfood.sassari@hotmail.it

Zone di produzione:  Comune di Ozieri (provincia di Sassari)

Classificazione: 

DOP = Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Descrizioni ed informazioni tratte da Slowfood, Qualivita, Agraria.org

I MIGLIORI PRODOTTI TIPICI ITALIANI

Peperone di Senise

IGP
Il Peperone di Senise ha uno spessore sottile e un basso contenuto di acqua, per cui può essere facilmente essiccato, esponendolo ai raggi sola... toc

Manna delle Madonie

SLOWFOOD
Erano migliaia gli ettari di frassineti coltivati in tutta la Sicilia nord occidentale. Un patrimonio forestale ridotto oggi a 250 ettari nei paesi di... toc

Oliva infornata di Ferrandina

SLOWFOOD
Le aree storicamente vocate alla coltura dell’olivo in Basilicata sono tre: il Vulture, la bassa Val D’Agri e la Collina Materana. In ques... toc