VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

Tocai rosso

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Il Tocai Rosso non ha alcun dato certo sulla sua origine, alcuni ritengono sia stato introdotto in Italia dall'Ungheria per la prima volta nella zona dei Colli Berici che sovrastano la città di Vicenza, nei tempi in cui questi territori erano soggetti alla dominazione di Maria Teresa d'Austria. Ancora oggi Il Tocai rosso trova il suo areale produttivo d'elezione proprio sui colli Berici e nel Veneto Orientale, dove viene coltivato scegliendo i terreni piuttosto forti, profondi e ben concimati.
Il grappolo è tozzo, di forma tronco-piramidale con una o due ali molto evidenti. L'acino è grande, con buccia grossa, pruinosa ma fragile. Colore blu-violetto irregolare. Polpa succosa, incolore, dolce.

Altre informazioni: Alcuni esperti lo assimilano al sardo Cannonau, ma la diatriba non è stata ancora completamente risolta.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com