VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

PALOMBINA

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Sinonimo del Piedirosso è un vitigno a bacca nera, autoctono della Campania, in particolare della zona di Napoli. le cui origini sono molto antiche. È anche conosciuto con il suo nome dialettale, Per’ e palummo, che si riferisce ai piedicelli dei chicchi, colorati di rosso come quelli di una zampa di colombo. Per molti anni Piede di Colombo fu il nome ufficiale del vitigno, che muterà in Piedirosso solo ai primi del ‘900. Il Piedirosso viene anche identificato con un vitigno locale noto come Palombina Nera e alla Colombina, le cui descrizioni risalgono al Naturalis Historia di Plinio il Vecchio. Tra l’800 ed il ‘900 il Piedirosso si è diffuso in tutto il Napoletano, nell’Avellinese e nella zona del Vesuvio e del Monte Somma. Il vitigno Piedirosso si trova vinificato in purezza, oppure in uvaggio con altri vitigni locali qiuali l’Aglianico o lo Sciascinoso.

Altre informazioni: Il Piedirosso viene oggi coltivato nelle province di Caserta, Napoli e Salerno. Il vitigno Piedirosso fa perciò parte di molte denominazioni di origine e indicazioni geografiche campane, sia in purezza che in assemblaggio. Lo troviamo nella Sannio DOC, Sant’Agata dei Goti DOC, Costa d’Amalfi DOC, Campi Flegrei DOC, Falerno DOC nel vino Lacrima Christi e nel Taburno, anche nella tipologia rosato. Il Piedirosso viene coltivato intensivamente anche sulle isole di Capri e Ischia per le rispettive denominazioni. Il Piedirosso è un vitigno molto vigoroso e ha maturazione medio-tardiva, collocata nei primi 20 giorni di ottobre. Le sue rese sono nella media o basse, ma costanti. Presenta grappoli di dimensioni medio-grandi, a forma piramidale, piuttosto spargoli, con acini di media grandezza, sferici, con alte concentrazioni di pruina sulla spessa buccia di colore rosso-violaceo. Il vitigno Piedirosso predilige terreni calcarei e trova in quelli di origine vulcanica della Campania il suo ambiente naturale, specialmente in collina tra i 300-400 metri di quota. Preferisce sistemi di allevamento poco espansi. I vini del Piedirosso hanno un bel colore rosso rubino e la loro gamma olfattiva varia dai frutti rossi come prugne e ciliege nei vini giovani fino alle sfumature terziarie di quelli maturati in legno, con note di caffè, tabacco e speziature. Nella zona del Sannio i vini presentano anche profumi resinosi e affumicati, con piccole note floreali che possono avere punte balsamiche nelle loro migliori espressioni. Tra gli abbinamenti del vino Piedirosso, il pollame e la selvaggina da piuma, ma lo si può accompagnare anche con carni strutturate di maiale, salsicce e formaggi stagionati.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com