VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

NOCERA

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Il vitigno Nocera è ampelograficamente molto affine ai Nerelli (Nerello Cappuccio, Nerello Mascalese) presenti nell’area del messinese da tempi molto antichi. Alcuni fanno l’ipotesi che sia legato agli storici vini “Mamertinum” e ai vini di “Zancle” celebrati dagli antichi latini. Un tempo il vitigno Nocera era diffusissimo e nei vigneti in provincia di Messina si possono trovare ceppi molto antichi, allevati ad alberello, con potatura corta per avere basse rese e buona concentrazione aromatica. Ai giorni nostri è ridotto a pochi ettari, soppiantato, oltre che dai vitigni etnei Nerello Mascalese e Cappuccio, anche da altri vitigni nazionali ed internazionali. Piante sparse di Nocera sono presenti anche nei vigneti in provincia di Catania, Siracusa e Ragusa. Il Nocera entra a far parte, con il Nerello Mascalese e Cappuccio, nel disciplinare di produzione della Faro DOC.

Altre informazioni: L’uva Nocera ha caratteristiche molto interessanti. Pur arrivando a piena maturazione con un alto grado zuccherino, conserva sempre una notevole acidità naturale. Il Nocera ha grappoli di media grandezza di forma cilindrico-conica, talvolta alati, di densità media o spargoli. Gli acini sono medi, ellittici, con bucce spesse e molto pruinose, di colore è blu con tendenza al nero. Il vitigno Nocera si segnala per la sua vigoria e le buone rese. I sistemi di allevamento utilizzati con successo sono l’alberello a potatura corta e la controspalliera. La produzione è nella media e regolare. Vinificato in purezza, il vitigno Nocera produce vini caldi e intensi. Il loro profilo olfattivo esprime note floreali, balsamiche, di macchia mediterranea e aromi di piccoli frutti rossi. Il Nocera dà un vino di struttura, con bella trama tannica e aromi profondi, sempre ben bilanciati da un’importante acidità, che lo rende anche particolarmente longevo. A tavola trova i migliori abbinamenti con primi piatti saporiti, con paste ai sughi di carne o con secondi piatti di carne rossa, arrosto o alla brace.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com