VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

GUARDAVALLE

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Il vitigno Guardavalle è un vitigno autoctono calabrese della provincia di Reggio di Calabria, coltivato soprattutto sul versante ionico della penisola, nelle zone vinicole della Locride. Non si hanno notizie storiche certe sul vitigno Guardavalle, sappiamo soltanto che è presente in Calabria fin dal tempo delle colonie delle Magna Grecia. Il tipo di allevamento generalmente utilizzato per il Guardavalle è a spalliera o il tradizionale alberello. Il Guardavalle dà il meglio dal punto di vista agronomico se coltivato su terreni argillosi-calcarei di medio impasto e ben esposti ai raggi solari. Il Guardavalle è un vitigno che non ha particolari esigenze di coltura e resiste bene alle varie malattie. Il suo grappolo è di forma media, conico o cilindrico, alato, da spargolo a mediamente compatto. L’acino è di dimensione media, sferico, con buccia mediamente spessa e consistente, poco pruinosa, di colore da verde-giallo ad ambrato.

Altre informazioni: Il Guardavalle viene utilizzato di regola in uvaggio con altri vitigni locali, anche se da un po’ di anni viene vinificato anche in purezza con ottimi risultati. In questo caso il vino ha un colore giallo paglierino più o meno intenso, floreale, fruttato con note agrumate e di noce tostata. In bocca è sapido, caldo, fresco, intenso, persistente, fine, di corpo. Ottimo come aperitivo, si adatta bene ai piatti di pesce, frutti di mare e crostacei, o con formaggi di media stagionatura.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com