VITIGNI AUTOCTONI ED ALLOCTONI

Barbera bianca

Cenni storici e caratteristiche del vitigno

Varietà piemontese a bacca bianca, coltivata prevalentemente nella zona compresa tra Ovada e Acqui Terme, in particolare nei comuni di Cremolino, Morsasco e Strevi. Demaria e Leardi (1875) attribuiscono l'origine del nome alla somiglianza, nella forma del grappolo e dell'acino, con la Barbera nera. Le prime citazioni risalgono al 1825, ad opera dell'Acerbi, che la nomina come vitigno coltivato intorno a Valenza; in seguito viene citata anche dal Rovasenda (1877), dal Giudetti (1884) e dal Molon (1906), che la descrivono come varietà coltivata nell'Oltrepo Pavese. Sebbene sia idonea all'allevamento in Piemonte è quasi del tutto abbandonata. E' chiamata anche Bertolino (Bertulìn), Peisìn (a Cassinelle), Martinella, Lardera Bianca o delle Langhe, Uva ovata.

Altre informazioni: Ha foglia media, da cuneiforme a orbicolare, quinquelobata; grappolo medio o medio-grande, cilindrico-conico, leggermente allungato, con ali brevi, compatto; acino medio, ellissoidale con buccia pruinosa, spessa e consistente, di colore bianco verdastro, che tende al giallo dorato-ambrato con sfumature rosa se ben esposta al sole. Ha produzione abbondante e costante. Predilige terreni collinari argilloso-calcarei.

E' possibile eseguire anche una ricerca in ordine alfabetico se non si è sicuri dell'origine di un vitigno in prticolare, oppure utilizzare questo modulo per inserire la parte iniziale del nome:

Le informazioni sulle origini e caratteristiche dei vitigni sono state tratte dalle seguenti fonti:

  • AA.VV. - I vigneti d'Italia, Edizioni Barzanti 1990
  • AA.VV. - Enciclopedia dei vini italiani, Arnoldo MOndadori Editore, Milano 1998
  • AA.VV. - Il vino italiano, Edizioni Associazione Italiana SOmmeliers, Milano 2002
  • Vino in rete - www.vinoinrete.it
  • Lavinum - www.lavinium.com