VALLE D'AOSTA

I MIGLIORI VINI

Le condizioni climatiche della Valle d'Aosta, unitamente alle caratteristiche dei terreni e alla loro esposizione, giacitura e pendenza, sono i punti di forza di una viticoltura di montagna che, inserita in un ambiente ancora incontaminato, ha saputo evolversi con modernità e oggi rappresenta una realtà di grande valore.
I vigneti si snodano lungo tutto il versante esposto a mezzogiorno della Valle, che prende il nome di "adret", su terrazzamenti con pendenze tali da permettere ai raggi del sole di giungere sull'uva con un angolo di inclinazione di 90°, apportando maggiore energia alla vite e di conseguenza migliore qualità del vino. La vite viene coltivata fra i 300-400 metri della Bassa Valle e i 1.225 m sul livello del mare di Morgex, in Alta Valle: i più alti vigneti d'Europa. La scarsità delle piogge, il clima secco e le forti escursioni termiche tra il giorno e la notte durante il periodo di maturazione accentuano l'intensità dei profumi dei vini valdostani.
In questo scenario i valdostani, con la pazienza e la tenacia che caratterizza i popoli alpini, hanno sviluppato una viticoltura eroica caratterizzata da terrazzamenti e muri a secco per aumentare la superficie disponibile e per smorzare i forti dislivelli, dalla difficoltà di meccanizzazione e dal ricorso alla difesa integrata, per salvaguardare la genuinità e la tipicità dei propri prodotti. Punta di diamante di una produzione limitata ed esclusiva è la riscoperta di alcuni vitigni autoctoni, inseriti nella Denominazione di origine controllata Doc “Valle d'Aosta- Vallée d'Aoste” che racchiude il meglio della produzione valdostana.
La DOC VALLE D'AOSTA o VALLÉE D'AOSTE copre tutta la produzione regionale, suddivisa in 7 sottozone da ovest a est:

  • BLANC DE MORGEX ET DE LA SALLE
  • ENFER D'ARVIER
  • TORRETTE
  • NUS
  • CHAMBAVE
  • ARNAD MONTJOVET
  • DONNAS

Il vino più nordico che ha i vigneti a maggiore altitudine è il BLANC DE MORGEX ET DE LA SALLE che si produce quasi sotto il Monte Bianco con vitigno BLANC DE MORGEX impiantato in vigneti straordinariamente belli, terrazzati, a quasi 1000m sul livello del mare, tra i più alti d'Europa. E' un vino di montagna, bianco, leggero e leggermente aspro.

Nella parte centrale del corso del fiume, intorno alla città di Aosta, c'è la zona dei vini rossi. Il vitigno principale a bacca rossa si chiama PETIT ROUGE ed è alla base dell' ENFER D'ARVIER e del TORRETTE che forse è il vino più importante tra i rossi valdostani come quantità di produzione. Sono vini rossi di media struttura, non molto adatti a lunghi invecchiamenti, come tipologia di vino possono ricordare il Dolcetto.

Anche nella zona di NUS c'è vino rosso ma soprattutto si producono malvasie e passiti con PINOT BIANCO, PINOT GRIGIO e MALVOISIE, un clone particolare di Malvasia che si trova a queste latitudini.

Nella zona di CHAMBAVE c'è un vino rosso (PETIT ROUGE, GAMAY) più un moscato passito che deriva da uve MOSCATO BIANCO. Si finisce con le ultime due sottozone, DONNAS e ARNAD MONTJOVET, che introducono il vitigno PICOUTENER, una varietà di NEBBIOLO (in forma dialettale significa "dalla buccia tenera").

ALCUNI VINI NEL DETTAGLIO

Blanc de Morgex et de La Salle

Dai vigneti più alti d'Europa, è un vino che va bevuto giovane. Adatto come aperitivo, ben si sposa con antipasti delicati e con la trota di montagna. Ottimo con la pizza. Nella versione “del ghiaccio”, da vendemmia tardiva, si abbina con formaggi stagionati e pasticceria secca.

Enfer d'Arvier

Intenso, di sapore corposo, nasce in vigneti posti in un anfiteatro naturale caratterizzato da un forte irraggiamento solare, da cui trae l'appellativo di “inferno”. Ideale con le carni rosse, gli arrosti e la selvaggina, ben si abbina con zuppe tipiche e formaggi locali.

Nus

La leggenda narra che già Ponzio Pilato apprezzasse questo vino. E' un vino di buona armonia, piacevolmente asciutto che deriva da un vitigno locale di buona vigoria. Servito a tutto pasto, ottimo con le carni, ben si abbina con motsetta, salumi locali, Fontina e pane nero.

Nus malvoisie

Nella versione flétri diventa un vino di grande carattere. I grappoli vengono portati a fermentazione e maturazione in piccole botti di legno. Vino ottimo dagli antipasti, ai primi, alle carni bianche e come vino da “chiacchiera” e da dolci secchi per la versione flétri.

Chambave

È un vino secco, di buona alcolicità. La sensazione tannica è marcata e accentua la nota erbacea che si avverte in chiusura. Buon rappresentante della tipicità dei vini rossi valdostani. Ben si abbina con salumi locali, zuppe, carni in umido, specialmente con la “carbonada”.

Chambave muscat

Molto ricercato nella versione flétri come vino da meditazione, viene vinificato quando i pregiati chicchi perdono gran parte dell'acqua, evidenziando la ricchezza zuccherina ed aromatica. Ottimo come aperitivo, si abbina anche a crostacei e formaggi di media stagionatura.

Torrette

Vino armonico, dal sapore secco e asciutto, nella versione supérieur ha una maggiore ricchezza zuccherina ed un invecchiamento più prolungato. Buono a tutto pasto, ottimo con le carni, gli arrosti e la selvaggina ma anche con salumi locali e formaggi invecchiati.

Arnad-Montjovet

Dal sapore asciutto, caratterizzato da sensazioni di cuoio e di spezie, ricorda alcuni prestigiosi vini a base di Nebbiolo. Il lardo di Arnad è il suo “degno compagno”, oltre alle carni di capretto e di maiale. Ottimo con formaggi stagionati, soprattutto tome vecchie.

Donnas

Vino prezioso, definito “il fratello montano del Barolo”, la credenza popolare lo vuole afrodisiaco. Nasce da uve Nebbiolo, localmente denominate Picotendro. Camoscio e selvaggina da pelo sono i suoi “accompagnatori” preferiti. Buono l'abbinamento con formaggi di lunga stagionatura.

Chardonnay

Vitigno plastico, utilizzato per produrre vini giovani, freschi e fruttati. Può generare, con vendemmie tardive, dei vini bianchi complessi e strutturati da fermentare e maturare in legno. Accompagna, secondo le versioni, piatti semplici o portate più impegnative.

Müller Thurgau

Vitigno adatto a climi freddi, gli sbalzi termici durante il periodo di maturazione favoriscono la formazione dei suoi eleganti profumi tipici. Ottimo come aperitivo, con crostacei, piatti di pesce e carni bianche, o con formaggi stagionati e pasticceria secca per la versione in vendemmia tardiva.

Petite Arvine

Vino bianco delicato, acquista eleganza con l'affinamento in bottiglia. Si accompagna bene con antipasti, leggeri spuntini e carni bianche e con molti piatti di pesce. Le vendemmie tardive vengono abbinate a formaggi stagionati od erborinati consumati con pane nero e miele.

Pinot gris

Vitigno a maturazione precoce, è ottimo come aperitivo (la sua alcolicità stimola l'appetito), si può abbinare con fonduta o antipasti sia a base di formaggio che di pesce. La versione vendemmia tardiva è ideale per accompagnare formaggi stagionati o pasticceria e frutta secca.

Fumin

Una vecchia perla dell'enologia locale, riscoperta e valorizzata grazie anche all'affinamento in legno e alla maturazione in bottiglia. Il Fumin trova armonia nell'abbinamento con carni rosse, civet e selvaggina in generale, oltre che con formaggi di lunga stagionatura.

Gamay

Vitigno originario della regione francese del Beaujolais, si è diffuso in Valle d'Aosta grazie alla sua produttività e resistenza. È un vino di buon equilibrio e di piacevoli profumi. Impiegato a tutto pasto, con salumi locali, minestre e zuppe. Ottimo con la bistecca alla valdostana.

Petit rouge

Storico vitigno valdostano, il Petit rouge è attualmente il più coltivato in Valle d'Aosta, nella zona fra Saint-Vincent e Avise, e trova le sue migliori espressioni nelle zone di Torrette e Enfer d'Arvier. Usato a tutto pasto con salumi, zuppe locali, casse-croûte e carni.

Pinot noir

Vino di buon corpo ed equilibrio nella versione tradizionale “in rosso” e la vinificazione “in bianco”. Ottimo con la motsetta e con piatti tipici valdostani, con carni rosse e salumi. La versione “in bianco” è adatta per aperitivi e ben si sposa con la trota di montagna.

Prëmetta

È un vero rosato naturale, che nasce da un vecchio vitigno autoctono ed è ottenuto da una fermentazione con macerazione delle bucce di alcuni giorni. Si accompagna bene con diversi primi piatti locali: la Vapelenentse, la Seupetta di Cogne e altre zuppe con verdure e Fontina.

Merlot

Vitigno principe della regione francese del Bordolese, ben si adatta al clima fresco ed asciutto della Valle d'Aosta. Origina vini ricchi di colore e tannini dolci. Rosso da tutto pasto, ben si presta ad accompagnare insaccati, carni e formaggi locali.

Syrah

Vitigno originario della valle del Rodano in Francia, in valle è in grado di produrre grandi vini. Ben si adatta alla maturazione in legno, trova la sua massima armonia nell'abbinamento con carni rosse in generale oltre che con formaggi di lunga stagionatura.

Cornalin

Vitigno coltivato in valle da tempo immemorabile e riscoperto negli ultimi anni, origina vini dalla spiccata personalità. Ha un colore rosso rubino intenso ed è buono a tutto pasto, ideale con le carni, risulta ottimo con gli arrosti ma si sposa anche con salumi e formaggi locali.

Mayolet

Vitigno precoce da sempre presente in Valle d'Aosta, è una delle "riscoperte" enologiche degli ultimi anni. Di colore rosso rubino brillante e profumo fine e delicato, con note di frutti rossi, può essere usato a tutto pasto con salumi, zuppe locali, casse-croûte e carni

DOCG = Denominazione di Origine Controllata e Garantita
DOC = Denominazione di Origine Controllata
IGT = Indicazione Geografica Tipica
DOP
= Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Le DOC

  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Arnad Montjovet Superiore
    Zone: Comprende tutti i territori dei comuni di Arnad, Challand Saint Victor, Champdepraz, Hone, Issogne, Montjovet, Verres
    Produzione: Nebbiolo (loc.Picoutener) min.70%, Dolcetto, Vien de Nus, Pinot Nero, Freisa max.30%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Arnad Montjovet
    Zone: Comprende tutti i territori dei comuni di Arnad, Challand Saint Victor, Champdepraz, Hone, Issogne, Montjovet, Verres
    Produzione: Nebbiolo (loc.Picoutener) min.70%, Dolcetto, Vien de Nus, Pinot Nero, Freisa max.30%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Bianco/Blanc
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Tutte le uve a bacca bianca raccolte e autorizzate
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Blanc de Morgex et de la Salle
    Zone: Comprende tutti i territori dei comuni di Morgex e La Salle
    Produzione: Prié Blanc
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Blanc de Morgex et de la Salle Spumante Extra brut
    Zone: Comprende tutti i territori dei comuni di Morgex e La Salle
    Produzione: Prié Blanc
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Chambave Rosso /Rouge
    Zone: Comprende i comuni di Chambave, Chatillon, Montjovet, Pontey, Saint Denis, Saint Vincent, Verrayes
    Produzione: Petit Rouge min.60%; Dolcetto, Gamay, pinot Nero min.25%, altri vitigni max 15%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Chambave Moscato Passito/Chambave Muscat Flètri
    Zone: Comprende i comuni di Chambave, Chatillon, Montjovet, Pontey, Saint Denis, Saint Vincent, Verrayes
    Produzione: Moscato Bianco
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Chambave Moscato/Chambave Muscat
    Zone: Comprende i comuni di Chambave, Chatillon, Montjovet, Pontey, Saint Denis, Saint Vincent, Verrayes
    Produzione: Moscato Bianco
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Chardonnay
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Chardonnay minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Donnas
    Zone: Comprende i comuni di Donnas, Bard, Perloz, Point Saint Martin
    Produzione: Nebbiolo (loc.Picoutener) min.85%, Freisa e Neyret max.15%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Enfer d’Arvier
    Zone: Comprende parte del comune di Ervier sulla sponda sinistra del fiume Dora Baltea, e le località Bouse e Mombet
    Produzione: Petit Rouge min.85%, Vien de Nus, Neyret, Dolcetto Pinot Nero e Gamay max.15%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Fumin
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Fumin minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Gamay
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Gamay minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Muller Thurgau
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Muller Thurgau minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Novello/Nouveau
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Tutte le uve a bacca rossa raccolte e autorizzate
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Nus Rosso /Rouge
    Zone: Comprende i comuni di Nus, Aosta, Quart, Saint Christophe, Verrayes
    Produzione: Vien de Nus min.50%, Petit Rouge e pinot Nero min.30%, altri ammessi max.20%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Nus Malvoisie
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Cloni autoctoni di Pinot Gris, Malvoisie
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Nus Malvoisie Passito/Nus Malvoisie Fletri
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Cloni autoctoni di Pinot Gris, Malvoisie
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Petit Rouge
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Petit Rouge minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Petite Arvine
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Petite Arvine minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Pinot Grigio/Pinot Gris
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Pinot Grigio minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Pinot Nero/Pinot Noir
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Pinot Nero minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Premetta
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: Premetta minimo 90%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Rosato/Rosé
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise
    Produzione: a bacca rossa racc. e autoriz.
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Rosso/Rouge
    Zone: Comprende tutti i territori lungo la vallata che va dai comuni di Pont Saint Martin e Donnas fino ad Avise.
    Produzione: a bacca rossa racc. e autoriz.
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Torrette Superiore
    Zone: Comprende tutti i territori dei comuni di Aymavilles, Aosta, Gressan, Charvensod, Introd, Jovencan, Quart, Saint Christophe, Saint Pierre, Sarre, Villeneuve
    Produzione: Petit Rouge minimo 70%, Pinot Nero, gamay, Fumin, Vien de Nus, Dolcetto, Premetta, Mayolet max.30%
  • line_weight VALLE D’AOSTA/VALLEE D’AOSTE Torrette
    Zone: Comprende tutti i territori dei comuni di Aymavilles, Aosta, Gressan, Charvensod, Introd, Jovencan, Quart, Saint Christophe, Saint Pierre, Sarre, Villeneuve
    Produzione: Petit Rouge minimo 70%, Pinot Nero, gamay, Fumin, Vien de Nus, Dolcetto, Premetta, Mayolet max.30%

L'Esperto consiglia

Valle d'Aosta Lard d'Arnad

Il Valle d'Aosta Lard d'Arnad è un salume ottenuto dal lardo della spalla e del dorso di suini di almeno un anno di età. Il prodotto finito ha forma variabile, è di colore bianco con presenza di striature di carne nello strato superficiale, mentre la parte interna è rosata senza venature. Presenta uno spessore di almeno 3 centimetri. Il profumo è ricco di aromi e il sapore ricorda le erbe usate nella miscela della salamoia.

Scopri le caratteristiche dei
prodotti tipici di questa regione
!