EMILIA ROMAGNA

I MIGLIORI VINI

L'Emilia-Romagna è tra le prime 4 regioni più prolifiche come produzione di vino in bottiglia (con Veneto, Piemonte, Toscana, mentre Puglia e Sicilia primeggiano per produzione di vino sfuso), siamo intorno al 10% del totale italiano.

La DOC COLLI PIACENTINI è la continuazione geografica del Monferrato e dell'Oltrepò Pavese con i quali condivide i vitigni CROATINA (BONARDA) e la BARBERA i quali danno origine a diverse versioni di cui la più famosa è il GUTTURNIO. Siamo entrati nella cintura territoriale dei vini frizzanti che qui si definiscono "mossi".
Altre due espressioni caratteristiche della zona sono i bianchi TREBBIANINO VAL TREBBIA e MONTEROSSO VAL D'ARDA nel cui uvaggio partecipano soprattutto i vitigni MALVASIA DI CANDIA, ORTRUGO (in dialetto vuol dire "altra uva") e TREBBIANO ROMAGNOLO. Anche per il Trebbiano esiste una contesa con un'altra regione sulle origini del nome, ma la presenza del fiume Trebbia sembra dare ragione all'Emilia rispetto all'Abruzzo. Essendo in una zona pianeggiante c'è una grossa facilità di produzione per cui ancora non viene privilegiata la qualità.

La zona tra Parma, Reggio Emilia e Modena costituisce la patria del LAMBRUSCO. Forse la maggiore produzione si trova nella DOC REGGIANO dove abbiamo diverse tipologie di Lambrusco quali MAESTRI - MARANI - MONTERICCO - SALAMINO con aggiunta di ANCELLOTTA. Negli anni '80 partivano per l'America due navi container piene di Lambrusco Reggiano delle Cantine Riunite: all'arrivo il vino veniva messo in lattina e commercializzato con il nome di "Red-Cola". I più grandi importatori erano i fratelli Mariani i quali con i proventi della vendita del Lambrusco hanno acquistato a Montalcino: sono gli attuali proprietari di Villa Banfi. In un certo senso si può affermare che il successo attuale in America per il Brunello è stato finanziato dai proventi della vendita del Lambrusco…

In provincia di Modena esistono altre 3 DOC legate a cloni del Lambrusco:
· LAMBRUSCO DI SORBARA
· LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO
· LAMBRUSCO SALAMINO DI S.CROCE
Anche se quello di Grasparossa comincia ad essere un po' più strutturato per la presenza di zone collinari, questi vini non hanno la pretesa di essere grandi anche se la ricca gastronomia del luogo (salumi, bolliti, ecc.) è di assoluto livello e si sposa con la genialità di questi prodotti.

Andando verso la costa entriamo in Romagna e incontriamo la prima e unica DOCG regionale, ALBANA DI ROMAGNA: prende il nome dal vitigno ALBANA ed è presente nelle versioni secco, amabile, dolce, passito. Questo vino purtroppo è ancora troppo legato ad una dozzinalità di fondo per la grossa resa per ettaro. La produzione più interessante è comunque quella passita. Al di fuori della DOCG esiste una DOC che prevede la versione spumante, la ROMAGNA ALBANA SPUMANTE.

La DOC TREBBIANO DI ROMAGNA va da Bologna a Ravenna ed è caratterizzata dall'omonimo vitigno TREBBIANO ROMAGNOLO, forse il più produttivo al mondo (es: UGNI BLANC per Cognac e Armagnac).

Altra DOC conosciuta è la PAGADEBIT DI ROMAGNA. Questo nome deriva da un'uva molto produttiva e costante, il BOMBINO BIANCO, che veniva usata dai contadini per pagare i debiti in caso di difficoltà. Viene prodotto soprattutto in versione frizzante. Vale la pena di menzionare il SANGIOVESE DI ROMAGNA DOC da uve SANGIOVESE, ed in particolare la produzione della Comunità di S.Patrignano che imbottiglia il vino AVI (dedicato a Vincenzo Muccioli).

Andando verso Nord tra le province di Ravenna e Ferrara, nella zona di Comacchio troviamo la DOC BOSCO ELICEO con prevalenza di MERLOT e FORTANA dove si fanno vini beverini che sposano la cucina a base di pesce di acqua dolce (es: anguilla).

Tornando verso Bologna ci imbattiamo nella DOC COLLI BOLOGNESI dove c'è un'azienda importante, la Terre Rosse di Enrico Villania, la prima a fare in Italia un CABERNET SAUVIGNON in assoluta purezza, prima ancora del Sassicaia. Per quanto riguarda i bianchi, oltre ai già citati ALBANA e TREBBIANO ROMAGNOLO in questa zona è utilizzato un altro vitigno locale, il PIGNOLETTO.

DOCG = Denominazione di Origine Controllata e Garantita
DOC = Denominazione di Origine Controllata
IGT = Indicazione Geografica Tipica
DOP
= Denominazione di origine Protetta
IGP = Indicazione Geografica Protetta
STG = Specialità Tradizionale Garantita

Le DOC

  • line_weight BIANCO DI SCANDIANO
    Zone: Albinea, Casalgrande, Castellaro, Reggio Emilia, Scandiano, Viano
    Produzione:
  • line_weight LAMBRUSCO REGGIANO
    Zone: Albinea, Bagnolo in Piano, Bibbiano, Cadelbosco di Sopra, Campagnola, Casalgrande, Castelnovo di Sotto, Cavriago, Correggio, Fabbrico, Gualtieri, Montecchio, Novellara, Reggio Emilia, Quattro Castella, Rio Saliceto, Rolo, Rubiera, San Martino in Rio, Sant'Ilario d'Enza, Scandiano
    Produzione:
  • line_weight SANGIOVESE DI ROMAGNA
    Zone: Comprende vari comuni delle province di Bologna, Forlì, Ravenna, Rimini
    Produzione:
  • line_weight SANGIOVESE DI ROMAGNA NOVELLO
    Zone: Comprende vari comuni delle province di Bologna, Forlì, Ravenna, Rimini
    Produzione:
  • line_weight SANGIOVESE DI ROMAGNA SUPERIORE
    Zone: Comprende vari comuni delle province di Bologna, Forlì, Ravenna, Rimini
    Produzione:
  • line_weight ALBANA DI ROMAGNA DOLCE/AMABILE
    Zone: Provincia di Bologna, Forli', Ravenna e Cesena
    Produzione: albana 100%

L'Esperto consiglia

Spalla cruda

Il Parmense è l’epicentro storico della cultura del suino: nessun’altra regione del mondo vanta tanta varietà di elaborati a base di carne di maiale e tanta perizia nel conIl Parmense è l'epicentro storico della cultura del suino: nessun'altra regione del mondo vanta tanta varietà di elaborati a base di carne di maiale e tanta perizia nel confezionarli. La spalla, che in altre regioni viene disfatta e macinata nell'impasto di salami e cotechini, qui trova dignità di grande salume, sia completa di osso sia disossata. Preparare una spalla cruda e stagionarla fino a 16, 20 mesi è arte sopraffina di norcineria. Si separa la zampa anteriore del suino, completa di muscoli, dalla carcassa. Dopo averla rifilata e pulita della cotenna, si strofina energicamente la carne con sale marino grosso e pepe. Poi si posa la spalla capovolta in una bacinella, sopra sostegni che impediscano alla carne di entrare in contatto con il liquido di spurgo. L'operazione (salagione-spurgo) è ripetuta per sei, otto giorni, a seconda delle condizioni climatiche. Bisogna tener presente che la lavorazione artigianale non prevede uso di additivi né di impianti di refrigerazione: per questo motivo avviene soltanto nei mesi più freddi. Al termine della fase di salatura, e ripulita la spalla dal sale non assorbito, si procede all'insaccatura nella vescica del maiale. Potrebbe sembrare la cosa più facile del mondo da fare: un suino adulto, un locale di stagionatura, un po' di pazienza… ed ecco due spalle crude per ogni esemplare di animale. Ma non è assolutamente così. L'assenza di qualsiasi conservante rende, infatti, tutt'altro che facile la stagionatura, soprattutto nella versione con l'osso. Il Presidio intende valorizzare questo salume e ovviare alle difficoltà della sua commercializzazione legate al prezzo di vendita. L'altra grande battaglia è quella sulla materia prima, portata avanti assieme al Consorzio del Culatello di Zibello: senza suini pesanti allevati come si deve in fattoria, infatti, non si potranno mai avere salumi eccellenti.

Scopri le caratteristiche dei
prodotti tipici di questa regione
!